9 cose da sapere sugli alberi: dormono, inseguono l’acqua e proteggono gli animali

Gli alberi sono fondamentali per la nostra sopravvivenza e nascondono molte curiosità: ecco 9 cose da sapere su queste piante.

Gli alberi rappresentano in un certo senso la vita su questo Pianeta, grazie a loro infatti riusciamo a ridurre gli effetti dei gas serra e dell’inquinamento che rendono l’aria dannosa per la nostra salute, ma non solo. Ecco 9 cose da sapere sugli alberi.

1. Alberi e non arbusti

Gli alberi sono piante legnose perenni che si sviluppano in altezza e che hanno un tronco, il fusto legnoso, dal quale partono i rami a qualche metro di altezza dal suolo. Dai rami ‘spuntano’ poi le foglie che, tutte insieme, determinano la chioma che ha forme diverse a seconda delle specie. Gli alberi dunque non sono arbusti, per questi infatti le ramificazioni si formano già sul tronco.

2. Alberi protettori

Gli alberi hanno un ruolo fondamentale durante l’estate e l’inverno per noi esseri umani. Nelle stagioni più calde infatti ci permettono di proteggerci dai raggio solari rinfrescandoci all’ombra delle rigogliose chiome, d’inverno invece ci fanno da scudo contro il forte vento e le piogge riducendone gli effetti.

3. Alberi habitat

Gli alberi rappresentano la ‘casa’ di molti animali che all’interno del tronco creano le loro nicchie e conservano i loro ‘rifornimenti’. Qualche esempio? Le civette, il picchio rosso, lo storno, il barbagianni e l’upupa sono solo alcuni dei volatili che nidificano nelle cavità degli alberi. Tra i mammiferi ricordiamo invece lo scoiattolo, il moscardino e il ghiro, ma anche il pipistrello nano. Ci sono poi i mammiferi carnivori che si arrampicano sugli alberi e alla base creano le loro tane, come la faina, il gatto selvatico o la puzzola.

4. Ossigeno per tutti

Gli alberi sono anche la principale fonte che abbiamo di ossigeno, fondamentale per sopravvivere, grazie al processo della fotosintesi clorofilliana: un mondo senza alberi, come spiega anche Nature, vorrebbe dire un mondo senza la vita come conosciamo noi. L’uomo avrebbe infatti bisogno di maschere speciali in grado di filtrare il poco ossigeno rimasto nell’aria.

5. Il colore delle foglie

L’autunno è famoso anche e soprattutto per il cambio di colore che caratterizza le foglie degli alberi che da verdi diventano prima gialle, poi arancioni, rosse e marroni. Ma perché? In pratica con l’arrivo del primo freddo i carotenoidi, pigmenti arancioni, emergono rispetto alla clorofilla, responsabile invece del verde, che diminuisce in corripondenza della riduzione delle ore di luce.

6. I prodotti degli alberi

Per fare un tavolo, ci vuole il legno recitava la canzone, e per fare il legno? Ci vuole un albero. Gli alberi sono ad oggi a rischio sopravvivenza proprio perché rappresentano un’importante fonte da cui ricaviamo materiali ed energia: ricordiamo il legno per i mobili e le abitazioni ad esempio, la carta con la cellulosa e biocombustibili, quindi vera e propria energia per riscaldarci.

7. Gli alberi che si autorigenerano

I ricercatori hanno scoperto che i primi alberi che esistavano sulla Terra, per diventare più alti e larghi, lasciano cadere alcuni tessuti più vecchi del tronco a terra: al loro interno c’erano dei canali con anelli di accrescimento che sembravano dei mini-alberi.

8. Gli alberi ‘ascoltano’ l’acqua

Vi siete mai chiesti come facciano gli alberi a raggiungere l’acqua con le loro radici? Ascoltandola. I ricercatori hanno infatti scoperto che le piante riescono ad ‘udire’ il suono dell’acqua sotto terra e a raggiungerla per nutrirsene.

9. Anche gli alberi dormono

Proprio come noi, anche gli alberi dormono. Gli scienziati hanno infatti osservato il movimento delle foglie e dei rami durante le ore del giorno e della notte e hanno scoperto che le piante modificano la loro pendenza, anche di 10 centimentri, durante la notte per poi raddrizzarsi prima dell’alba.


(Visited 10 times, 1 visits today)