Castel di Sangro, profanate due bare al cimitero e sottratti i resti

Defunto-65org4wdbcoxvpme4n4pnvcfduhmn0gnhe02sy0256n

E’ stato il custode, questa mattina presto, nel consueto giro d’ispezione ad accorgersi dei vergognosi e sconcertanti episodi avvenuti la scorsa notte nel cimitero di Castel di Sangro. Difficile trovare gli aggettivi adatti per definire i responsabili di questi atti deprecabili che devono, al più presto, essere puniti dalla legge.

Squilibrati o adepti al satanismo? E’ complicato rispondere al quesito. Ciò che appare certa è la violazione alla bara di Paolo Giubilei, defunto centenario, scomparso a febbraio del 2011, padre di Nando, stimato gestore del Cinema Teatro Italia, rimasto incredulo e amareggiato per quanto successo al feretro dell’amato papà.

I fatti: dopo aver acceduto all’interno del Camposanto, dal cancello posteriore ubicato lato SS 17, ben attrezzati e determinati a compiere il disegno criminoso, più individui (si presume), hanno tolto la lapide diGiubilei dal loculo, adagiandola al suolo, per  poi proseguire il lavoro con un martello e abbattere i mattoni al fine di accedere al feretro dell’estinto.

http://www.teleaesse.it/nsmvideo31402/comuni/castel-di-sangro-comuni/castel-di-sangro-profanate-due-bare-al-cimitero-e-sottrati-i-resti/

(Visited 38 times, 1 visits today)

Lascia un commento