DANZA DER VENTRE

image-2-497x590DANZA DER VENTRE

Nelle notti d’estate me rincorre un sogno strano,
me trovo in un palazzo dorato a fà er surtano.
Cento odalische tutte belle e assai agghindate,
me stanno attorno e fanno tutte le sdorcinate.

C’è una che me dà acini d’uva in modo divino,
una che me porge una coppa dorata de vino.
Poi le artre tutte insieme te iniziano a danzare
e li occhi miei nun sanno vero dove annare.

Poi te entra ‘na ballerina bella e scatenata,
e te ballà ‘na danza der ventre indiavolata.
L’occhi miei sono attaccati ar su’ ombelico
e quer che penso solo pe garbo nun lo dico.

Er sogno è bello ed ha un effetto smisurato,
sopra ar mio fisico dai freni inibitori liberato.
Me sveglio attonito, sorpreso e tutto sudato
e me convinco subbito che ho solo sognato.

Vorrei nun fare più sto sogno che è ‘na tortura,
che me affrigge e me tormenta spesso a dismisura.
Spero che nella realtà trovi una che me consola,
ma che nun sia solo er zolito sogno co’ la sola.

VITTORIO BANDA.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Vittorio Banda

Cerco collaborazioni con musicista, io sono un paroliere,poeta,scrittore ed autore teatrale. Cerco sponsor che mi aiutino.

Lascia un commento