Isis, nuovo video choc: prigioniero costretto a scavarsi la fossa prima della decapitazione

20150529_isis111

Propaganda del terrore senza fine. L’Isis ha pubblicato on line il video choc di un prigioniero condannato a morte costretto a scavarsi la fossa prima di essere decapitato. Il filmato, montato ad arte e ricco di effetti speciali, è l’ultimo di una lunga serie di video di decapitazioni targati Isis in Siria.
Nelle immagini il prigioniero, sospettato di essere una spia siriana, parlando in arabo è costretto ad ammettere i suoi crimini per i quali lo Stato Islamico lo ha condannato alla decapitazione: con il volto costellato di tagli e lividi l’uomo, che si identifica come Ziad Abu Tarek Abdel’al, dice alla telecamera di essere originario di Al-Qaryatayn, una città della Siria centrale, e descrive il suo lavoro di spia. Alla fine la confessione: «Ho ucciso Abu Hassan e lo Stato Islamico mi ha catturato». Le immagini successive lo ritraggono a piedi nudi e in tuta arancione, costretto, con piccone e pala, a scavarsi la fossa dove il suo corpo verrà abbandonato dopo la decapitazione.

Il filmato continua con la comparsa sulla scena dei miliziani: dietro il prigioniero, sulle note di un nasheed, avanza un pick up sul quale sventola una bandiera nera. Le immagini finali mostrano l’uomo in tuta arancione in ginocchio e un soldato alle sue spalle pronto alla decapitazione.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/isis_orrore_video_fossa_prigioniero/notizie/1381734.shtml

(Visited 3 times, 1 visits today)

Lascia un commento