Istat: ecco come si calcola l’area critica della povertà

L’Istat traccia l’area della popolazione che in Italia è esposta al pericolo di cadere nella trappola del disagio economico in base ad una serie di parametri complessi. Si parla di “rischio di povertà ed esclusione sociale” seguendo criteri europei e in linea con gli obiettivi europei della cosiddetta Strategia 2020 che punta a tirare fuori da queste condizioni milioni di persone in tutto il Continente.

E’ a rischio povertà o esclusione sociale chi si trova in almeno una di queste tre situazioni:

1. Chi si trova a vivere sotto la soglia di povertà, pari a 9.508 euro annui, avendo a riferimento una famiglia composta da un solo adulto.

2. Chi si trova in condizioni di grave deprivazione materiale, mostra cioè almeno quattro segnali di disagio tra un ventaglio di nove: essere in arretrato su pagamenti, non potere fare fronte a spese impreviste, comprare un telefono, un’auto, una lavatrice o una tv; e ancora, non potere risaldare casa, fare un pasto proteico una volta ogni due giorni e andare in vacanza per una settimana.

3. Chi vive in famiglie a bassa intensità di lavoro, ossia in famiglie con componenti tra i 18 e i 59 anni che nel 2014 hanno lavorato meno di un quinto del tempo (escludendo gli studenti tra i 18 e i 24 anni). Un esempio può essere quello di una coppia in età lavorativa che è risultata occupata per meno di 4,8 mesi in un intero anno.

 

6b96abef7123e1acfea64ee346a12a91

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/agenda/2016/12/06/istat-ecco-come-si-calcola-larea-critica-della-poverta-_bdf6db90-eab8-4629-993b-28d93c89d701.html

 

(Visited 12 times, 1 visits today)

Lascia un commento