LA FINE DEI TEMPLARI INFLUISCE SULLA CRISI ATTUALE? VEDIAMO PERCHE’…

nobilta-nera-veneziana

Come in un film che si rispetti partiamo da un periodo storico differente e da soggetti differenti.

LA FONDAZIONE che secondo le tesi del complotto governa le sorti del pianeta.

Il 13 ottobre 1843 nasce il “B’nai B’rith” nel Caffé Sinsheimer, sito nel quartiere di Wall Street, a New York. Gli venne conferito il nome “Bundes-Brueder” (che significa “Lega dei fratelli”), nome tedesco a causa dell’origine dei fondatori ebrei-tedeschi, che parlavano soltanto il tedesco o l’yiddish. Il “B’nai B’rith ” è considerato pertanto una delle più antiche associazioni americane ancora esistenti.

Il fondatore, Henry Jones, cercò dei co-fondatori reclutandoli presso la Sinagoga, di cui era uno dei principali responsabili. Il “B’nai B’rith” stesso riconosce inoltre che almeno quattro dei suoi fondatori erano massoni. L’Ordine del “B’nai B’rith”, per libera scelta dei fondatori, era riservato ai soli ebrei (diretti discendenti di Abramo). I fondatori volevano creare un Ordine che avrebbe dovuto essere il mezzo per unire gli ebrei d’America e “illuminare” così “come un faro, il mondo intero”.

Sorprende la data scelta per la fondazione di questa importante Loggia e incuriosisce ancor di più che coincida con il giorno in cui dovevano essere aperte simultaneamente in tutta la Francia le lettere per arrestare tutti i Templari, all’alba del 13 ottobre del 1307.

Una ulteriore sorpresa ci sorge nello scorgere nei fondatori della Loggia i cognomi delle famiglie della nobiltà nera veneziana (di cui facevano parte anche i Rothshild). Secondo gli studi di alcuni storici questa famiglia poteva essere tra i mandanti della dissoluzione dei Templari con una astuta quanto invisibile regia sussurrata al re di Francia Filippo il Bello forse dai cambiavalute italiani.

Secondo altri storici le colpe degli effetti della crisi internazionale odierna vanno attribuite anche a Cristoforo Colombo che nel 1492 imbarcò gli avi di questi personaggi, a causa dell’Editto promulgato da Isabella di Castiglia di lasciare la Spagna entro tre mesi. La colpa imputabile a Colombo starebbe nell’aver lasciato cadere l’occasione, di affondare la Pinta durante l’ammutinamento sfociato dopo i numerosi tumulti per le lamentele continue al suo interno.
Ma vediamo bene l’editto.
Il decreto dell’Alhambra, noto anche come editto o decreto di Granada, è stato un decreto emanato il 31 marzo 1492 dai re cattolici di Spagna, Isabella di Castiglia e Ferdinando II di Aragona, con il quale diventava obbligatoria l’espulsione delle comunità ebraiche dai regni spagnoli e dai loro possedimenti a partire dal 31 luglio di quello stesso anno, pena la sottrazione di tutti i loro beni.
I re di Castiglia e Aragona i quali, dopo alcune discussioni e soprattutto grazie all’appoggio della regina di Castiglia Isabella (stanca dell’insostenibile situazione causata dall’usura praticata su tutto il territorio) decidono di appoggiarla nella sua decisione di finanziare l’impresa, e di concedere privilegi a Colombo in caso di buona riuscita della stessa. Salpato da Palos de la Frontera il 3 agosto 1492, Colombo giunse nell’odierna San Salvador il 12 ottobre dello stesso anno, con il suo carico custodito nel ventre della nave Pinta guidata da Don Pinzon. A questo primo viaggio ne seguirono altri tre – sempre per le Americhe – di minor fortuna, che portarono Colombo alla rovina e al discredito presso la corte di Castiglia, anche a causa delle sue amicizie.
Gli effetti attuali sarebbero poi riconducibili alla fondazione della FED (Federal Reserve) e agli apparentamenti con le varie società satellite che controllano Spread e azioni collettive globali, sempre ad opera delle stesse famiglie abramitiche.

Saranno vere tali congetture e situazioni concatenanti a livello storico?

Dubito ci sia dato sapere e di conseguenza capire fino in fondo i meccanismi e la necessità.

(Ispirazioni nate da alcuni scritti del sito web disinformazione.it. e su numerose nostre ricerche sugli argomenti trattati. Abbiamo deciso di modificare la foto iniziale su segnalazione di alcuni lettori che ci hanno dimostrato essere falsa)

In merito ai Rothshild e ai Rockefeller consigliamo di leggere anche questo nostro articolo:

PIETRO RATTO: I ROTHSCHILD E GLI ALTRI. QUESTO TESTO PUO’ APRIRE ULTERIORI SCENARI SU CHI COMANDA DAVVERO.

 

BY ANALISTA OMBRA

(Visited 16 times, 1 visits today)

Lascia un commento