Matrimonio samesex: in quali Paesi è legale?

L’Italia rimane uno dei pochi Paesi europei a non avere una legge che permetta alle coppie omosessuali di unirsi in matrimonio

Dov’è legale il matrimonio samesex? L’Olanda è stato il primo a fare il grande passo, nel 2000. A seguire Belgio (2003), Canada e Spagna (2005) nel 2006 è stata la volta del Sud Africa. Nella Repubblica del Sudafrica dal 30 novembre 2006, infatti, è entrata in vigore la legge che autorizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso, facendo così del Sudafrica l’unico Paese africano a legalizzare le nozze tra persone omosessuali. La cerimonia religiosa è opzionale, le chiese possono infatti rifiutarsi di celebrare certi tipi di unione, mentre il rito civile è aperto a tutti. Laddove è aperto alle coppie dello stesso sesso, il matrimonio è talvolta descritto come “egualitario” in quanto in linea col principio di eguaglianza tra persone, con l’egualitarismo; da qui l’espressione matrimonio egualitario riferita al matrimonio nel suo insieme, accessibile da tutte le coppie a prescindere dal sesso dei contraenti.

L’ultima nazione, in ordine cronologico, è stata la Germania ufficialmente il 7 luglio scorso: il matrimonio samesex è stato approvato con 339 voti a favore, 226 contrari e quattro astensioni. La settimana scorsa il provvedimento era stato approvato in tempi record al Bundestag, dopo che i socialdemocratici hanno votato assieme all’opposizione per mettere la questione nell’agenda dei lavori parlamentari. La cancelliera Angela Merkel, che guida un governo di coalizione con l’Spd, ha votato contro ma ha lasciato libertà di coscienza ai deputati del suo partito conservatore Cdu. Approvata anche la legge sui risarcimenti per chi fu condannato per omosessualità.

Dopo l’approvazione da parte del Bundestag tedesco delle nozze gay, l’Italia rimane uno dei pochi Paesi europei a non avere una legge che permetta alle coppie omosessuali di unirsi in matrimonio. Possono farlo civilmente, con la cosiddetta legge Cirinnà sulle unioni civili, ma tra le due formule esistono delle differenze sostanziali, come hanno denunciato avvocati e membri della comunità Lgbt. Nonostante nella cattolicissima Irlanda i “matrimoni gay” non siano più un tabù, in Italia la Chiesa rappresenta ancora un grosso ostacolo per le nozze tra persone omosessuali. E nonostante papa Francesco abbia “aperto” con riserva le porte ala comunità Lgbti, Bergoglio in occasione del Family Fay del 2016 contro il ddl Cirinnà ha ribadito che il matrimonio è quello contratto tra due persone di sesso opposto: “Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”.

Malta, in Israele e nelle nazioni caraibiche di ArubaCuraçao Sint Maarten, pur non essendo consentito alle persone aventi lo stesso sesso di accedere all’istituto del matrimonio, vengono registrati i matrimoni fra persone dello stesso sesso celebrati altrove.

Restando nella Ue, il matrimonio samesex non è ammesso in Russia. Le persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT) proprio in Russia affrontano maggiori difficoltà ed ostacoli rispetto agli altri cittadini europei: la Russia ha poi ricevuto critiche anche aspre dalla comunità internazionale nel momento in cui ha promulgato una legge che vieta la “propaganda” tramite qualsiasi materiale (riviste, ma anche materiale informativo e di prevenzione ecc) “di relazioni sessuali non tradizionali” ai minori: ai sensi di legge, è un atto criminale tenere un gay pride (qualsiasi parata o “esposizione” a carattere omosessuale a Mosca è duramente perseguita “per i prossimi 100 anni”), parlare in difesa dei diritti degli omosessuali, o distribuire materiale che promuova le richieste dei gay o propagandare l’idea che le relazioni gay sono uguali a quelle etero. Dal 2006, dieci regioni hanno così emanato un divieto di “propaganda di omosessualità” tra i minori. Le leggi di nove di loro sono sanzioni amministrative e / o penali. Nel giugno 2013 il parlamento nazionale ha approvato all’unanimità una legge che proibisce la distribuzione di materiale propagandistico a sfondo gay, rivolto ai giovani, in tutto il paese. La promulgazione di questa legge ha portato a molti arresti di cittadini omosessuali ed attivisti gay ed un’incidenza notevole di aumento di crimini d’odio motivati dall’omofobia, tra cui molti perpetrati da gruppi neonazisti contro adolescenti gay.

In Cecenia è ormai risaputo, secondo una serie di inchieste partite da Novaya Gazeta, che decine di persone omosessuali sono fermate e portate in veri e propri campi di prigionia, dove uomini e ragazzi subiscono sevizie di ogni tipo.

Il Messico è uno dei paesi più complessi a legalizzare il matrimonio tra persone omosessuali. Mentre in Ciudad de Mexico è legale dal 2009, in altre regioni non è ancora legale, ultimamente si sono aggiunti altre contee come Quintana, Coahuila e Chihuahua , ma la tendenza è di aumentare questa cifra per far diventare legale il provvedimento in tutto il Messico.

Asia , Giappone e Thailandia i Paesi dove ancora ci sarà molto da combattere per il riconoscimento dei pari diritti alla comunità Lgbti.

In Australia? Il matrimonio è consentito alle sole coppie di sesso diverso.

L’elenco completo dei Paesi in cui il matrimonio samesex è legale

Paesi Bassi (2000)

Belgio (2003)

Canada (2005)

Spagna (2005)

Sud Africa (2006)

Messico (2009) (solo in alcune giurisdizioni)

Norvegia (2009)

Svezia (2009)

Argentina (2010)

Islanda (2010)

Portogallo (2010)

Danimarca (2012)

Brasile (2013)

Francia (2013)

Inghilterra / Galles (2013)

Nuova Zelanda (2013)

Uruguay (2013)

Lussemburgo (2014)

Scozia (2014)

Finlandia (2015)

Groenlandia (2015)

Irlanda (2015)

Stati Uniti (2015)

Colombia (2016)

Germania (2017)

 

Matrimonio samesex: in quali Paesi è legale?

Matrimonio samesex: in quali Paesi è legale?

(Visited 12 times, 1 visits today)

Lascia un commento