MELINDA MICELI SCRITTRICE DA PREMIO

Ascolta Ciadd News Radio" su Spreaker.

Melinda Miceli

Solidissime basi culturali intrise di studi classici e umanistici, e ancora tre master in filosofia, hanno dato alla luce quell’affermata scrittrice e critica d’arte che oggi vive in Melinda Miceli. Nondimeno è la personale rilevante produzione di saggistica a consacrarla nel 2006 con le due lauree honoris causa, una in letteratura e filosofia con master in lingua inglese e l’altra in giornalismo, entrambe conseguite alla Canterbury University.

Di origini lentinesi, quando già nota scrittrice, Miceli si trapianta nel 2011a Siracusa. È qui che prolifica l’opera miceliana di divulgazione della storia, dell’architettura, dell’arte nonché della natura siciliana in ambiti internazionali attraverso numerose e prestigiose pubblicazioni, talune acquisite perfino da Book Seller, il sito on line più prestigioso nel campo della manualistica turistica. Attenta esteta, ed artista dannunziana, Melinda Miceli produce anche opere bilingue di carattere sia turistico che didattico con accenti esoterici di erudito spessore. Nel 2017 è insignita del “Premio Donna Siciliana” quale critica letteraria e dell’arte. Nel 2016 è ancora fregiata per la letteratura con il romanzo “Primadonna in Sicilia”, dopo che nel 2015 vince il primo trofeo come Donna siciliana dell’anno per la scrittura. Sempre nel 2017, alla venticinquesima edizione del “Premio Sicilia Cultura”, è insignita pure dai Templari Federiciani di Corrado Armeri, per ”la sua intensa attività culturale di promozione del territorio attraverso ben 17 saggi e per il romanzo “Prima donna Sicilia” ricco di simbologie esoteriche e di rimandi filosofici che onora il filone letterario della romanistica attuale”.  Contributi e successi culturali, quelli detti, che non sfuggono ad Alfonso Celentano, direttore Artistico e ideatore del Premio Sarno Città Festival. Miceli, infatti, conseguirà il Premio Nazionale Popolarità nella Sezione Speciale “Ippogrifo d’Oro 2017” per i  seguenti motivi: “Scrittrice stendhaliana pluripremiata per la sua poliedrica attività di saggista, critico d’arte, giornalista e insegnate delle belle arti di Sicilia, altresì per il suo impegno sociale, 2 lauree honoris causa attribuite da Canterbury e una serie infinita di tributi menzioni e premi in ogni campo”: cosicché la prestigiosa e simbolica statuetta del “cavallo alato” con la testa da grifone, conferita a personaggi illustri di tutto il mondo sia in campo culturale che in quello dello spettacolo, sarà a breve consegnata a Melinda Miceli. Successivo appuntamento il 3 Settembre 2017, a Bisceglie, per il prestigiosissimo “Premio Internazionale Duchessa Lucrezia Borgia” che si terrà nella sala degli specchi di Palazzo Tupputi, e che quest’anno vedrà coinvolta anche la Biennale di Venezia nella rosa dei premiati durante il ricevimento culturale organizzato dal Presidente dell’Osservatorio Nazionale Duchessa Lucrezia Borgia presentato dal giornalista Claudio Ruggeri e dal Sindaco. Mistagoga e scrittrice esoterica, Melinda Miceli è adesso iconografia della scrittura nobile.

 

Chiara Fiume

Critico d'arte, Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è uno scrittore e saggista italiano. Cura - nell’interesse di pittori e scultori - libri, critiche d’arte, quotazioni ufficiali, acquisizioni di opere d’arte nel patrimonio artistico di enti pubblici, pubblicazioni su quotidiani on line, bibliografie, mostre in enti pubblici e privati, comunicazioni stampa, interviste con giornalisti anche televisivi, manifestazioni e intermediazioni culturali con enti pubblici. È curatore del Museo Civico Giandalia. Socio di Rotary International. Socio e consigliere nel Direttivo di Civitan International. Cavaliere ad honorem, quale uomo di cultura, del Supremo Ordine dell’Antico e Rigenerato Rito Templare – Supremo Gran Consiglio del 9° Grado Cathedrale. Fondatore nel 2011 di Premio Arte Pentafoglio, onorificenza orientata ad insignire annualmente Capi di Stato e di Governo, vertici delle Istituzioni Civili e Militari, Artisti, Letterati e Scienziati di chiara fama, eccellenti operatori commerciali ed economici, alti prelati e comuni cittadini che, spesso nell’ombra, si sono impegnati nel volontariato in difesa dei diritti umani, della legalità e della pace, testimoniando così la continua elevazione dell’Umanità attraverso l’operosità e la cultura. La natura del Premio Arte Pentafoglio e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. È dotato dell'immagine del Myosotis, fiore a cinque petali conosciuto come “Non ti scordar di me”. Si fregia della Bandiera Italiana e, nel quadro delle sue attività istituzionali, opera a fianco di Ambasciate, Ministeri, Consolati, Organismi Internazionali tra i quali UNESCO, UNICEF, Rotary, Lions, Corpi Militari e delle Forze dell’Ordine, Università, Scuole Pubbliche e Centri di alta Formazione.

Potrebbero interessarti anche...