MESSAGGI MARIANI O FALSI PROFETI? SECONDO ANTONIO SOCCI, VATICANISTA, QUALCOSA NON VA. LEGGI E CAPIRAI MEGLIO

24 ANNI DALLA PRIMA MANIFESTAZIONE DELLA SANTISSIMA VERGINE A LUZ DE MARIA 19 MARZO 2016

Vorremmo iniziare questo articolo con le parole riprese da un messaggio mariano destinato a Luz de Maria (Costa Rica) alla quale la Madonna ha detto:

“Il Popolo di Mio Figlio non è un popolo qualsiasi, non è alla maniera mondana, ma è un popolo che rispetta ed ama la Parola Divina e rifiuta il mondo e le sue macchinazioni…
Il Popolo di Mio Figlio non dissimula il peccato, né patteggia con il demonio, sapendo che interessi malvagi porteranno l’umanità alla dichiarazione di una religione unica, che adorerà satana…
Sapete bene che il male vuole prevalere sulla Chiesa di Mio Figlio.
Non dimenticatevi di adorare Mio Figlio, non solo nel Tabernacolo, ma in ogni atto ed in ogni opera che diano testimonianza dell’amore che dite di avere per Mio Figlio.
Sono tanti quelli che si riuniscono nelle Chiese con finalità molto diverse da quello che Mio Figlio chiede veramente!
In questo momento le Chiese sono state prese come anfiteatri, offendendo gravemente il Cuore Sacratissimo di Mio Figlio, introducendo il gestore stesso del peccato nel Cuore della Chiesa, della quale Sono Madre.
Questi sono atti blasfemi…
Dalla Casa Paterna le Legioni Celesti vedono con tremore e spavento coloro che ricevono Mio Figlio in peccato grave, firmando così la propria condanna.
È questa la Chiesa Santa di Mio Figlio? No! Questa è la Chiesa degli uomini, la Chiesa della volontà umana.” (26 novembre 2016)

(http://www.revelacionesmarianas.com/italiano.htm)


“Lo Spirito Santo infatti, non è stato promesso ai successori di Pietro per rivelare, con la sua ispirazione, una nuova dottrina, ma per custodire con scrupolo e per far conoscere con fedeltà, con la sua assistenza, la rivelazione trasmessa dagli Apostoli, cioè il deposito della fede.”

Conc. Vaticano I – Cost. Dogmatica “Pastor Aeternus”, cap. IV (18 luglio 1870)


Antonio Socci in un suo articolo del 2015 ci mostra le parole delle rivelazioni alla Beata Anna Caterina Emmerch:

“Vidi anche il rapporto tra i due Papi… Vidi quanto sarebbero state nefaste le conseguenze di questa falsa chiesa. L’ho veduta aumentare di dimensioni; eretici di ogni tipo venivano nella città (di Roma). Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità”. (13 maggio 1820).

“Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente”. (10 agosto 1820).

“Poi vidi che tutto ciò che riguardava il protestantesimo stava prendendo gradualmente il sopravvento e la religione cattolica stava precipitando in una completa decadenza. La maggior parte dei sacerdoti erano attratti dalle dottrine seducenti ma false di giovani insegnanti, e tutti loro contribuivano all’opera di distruzione. In quei giorni, la Fede cadrà molto in basso, e sarà preservata solo in alcuni posti, in poche case e in poche famiglie che Dio ha protetto dai disastri e dalle guerre”. (1820)

“Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la chiesa. Stavano costruendo una chiesa grande, strana, e stravagante… Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti e avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione, una vera comunione di profani, vi sarebbe stato un solo pastore e un solo gregge. Doveva anche esserci un Papa, ma che non possedesse nulla… Così doveva essere la nuova chiesa… Ma Dio aveva altri progetti”. (22 aprile 1823)

“Ebbi di nuovo una visione in cui la chiesa di San Pietro era scalzata dalle sue fondamenta, seguendo un piano messo a punto dalla setta segreta, proprio mentre essa era danneggiata dalle tempeste. Ma io vidi anche il soccorso che arrivava nel momento della più grande afflizione. Vidi di nuovo la Santa Vergine porsi sopra la chiesa e stendere su di essa il suo mantello”.

(per i testi delle visoni della Beata Emmerich, A. Socci ci dice, di guardare nel suo testo “Non è Francesco”, p.214 e ssgg)

Ci dice inoltre che:

Penso – e l’ho anche scritto nel mio libro – che le profezie vadano maneggiate con molta cura e prudenza. E che, per la loro natura simbolica e ammonitrice, non si possano meccanicamente sovrapporre agli eventi storici.

Tuttavia, rispetto all’estate scorsa (si riferisce al 2014, quando scrisse “Non è Francesco”), devo ammettere che gli eventi che si sono susseguiti tendono purtroppo ad assomigliare sempre più alle visioni profetiche della Beata Emmerich.

Continuo a consigliare prudenza, ma certamente le domande sono ogni giorno più grandi e inquietanti…

Anni fa padre Livio Fanzaga osservò che la beatificazione della Emmerich nel 2004 <<ha il sapore di un intervento provvidenziale, come se il cielo volesse richiamare l’attenzione sulle visioni profetiche durante questa fase della storia della salvezza in cui esse si realizzano>>

Io osservo, rifletto e medito… (pregando!!!)

(A. Socci) (http://www.antoniosocci.com/la-profezia-della-beata-anna-caterina-emmerich-sul-tempo-dei-due-papi-e-delle-due-chiese-parla-di-oggi/)


Questo articolo è partito dalle riflessioni di questi giorni sul fatto che ci piacciono i Santi ma facciamo finta di non vedere le parole e gli ammonimenti che dicono contro i peccatori. Solo perché anche noi siamo peccatori e per comodo ci voltiamo dall’altra parte. E anche chi è preposto al ministero pastorale fa altrettanto, Papa compreso.
Vogliamo far vedere che Cristo/Dio parla solo di Bontà e Misericordia ma cancelliamo il fatto che ha parlato anche di Giustizia e ha spianato Sodoma per il suo peccato, e adirato ha ribaltato i banchi dei mercanti del Tempio.
Troppo comodo essere fedeli “fai da te” con Dio a nostra immagine.
Come una faccina da mettere a posto della nostra, tanto paga per noi.
Abbiamo rivoltato il Creatore e lo abbiamo adattato alla creazione, facendo esattamente il volere del suo nemico di sempre.

Dio ci salverà?

Mettendoci nei panni del divino, noi daremmo la salvezza a noi stessi?

BY ANALISTA OMBRA

(Visited 100 times, 1 visits today)

Lascia un commento