Trump: Wp, Flynn mentì all’Fb

Ascolta Ciadd News Radio" su Spreaker.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn negò durante un interrogatorio con l’Fbi lo scorso mese di aver discusso delle sanzioni Usa a Mosca con l’ambasciatore russo prima che Trump si insediasse, contraddicendo il contenuto di intercettazioni telefoniche. Lo riferisce il Washington Post citando ex e attuali dirigenti americani. Flynn rischia, non tanto per aver violato un oscuro statuto del 1799 che vieta a privati cittadini di interferire nelle dispute diplomatiche, quanto perché mentire all’Fbi è un reato.

 

Durissimo attacco del presidente Trump alla stampa: “I media – ha detto in un discorso – non parlano nell’interesse della gente, del popolo americano, ma in nome di di interessi privati. Sono disonesti. La stampa è fuori controllo, il livello di disonestà – ha aggiunto Trump – è fuori controllo. I media – ha detto ancora – tentano di attaccare la nostra amministrazione perché sanno che stiamo dando seguito a quanto promesso e la cosa non li rende felici per qualche motivo”. Trump ha quindi continuato: “Accendo la tv e vedo storie di caos, mentre è l’esatto opposto: la mia amministrazione sta procedendo come una macchina messa a punto bene”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato “un nuovo ordine esecutivo entro la prossima settimana per proteggere gli Usa”.

E oggi  il repubblicano Paul Ryan, speaker della Camera, ha sostenuto “che ci dovrebbe essere una indagine sulle fughe di notizie. Se si tratta di informazioni classificate l’ambito è penale quindi ci deve essere una indagine penale”.  Gli Stati Uniti comunicano alla Corte d’Appello del Nono Circuito che il presidente americano Donald Trump presenterà un nuovo decreto che sostituisce il bando degli arrivi da sette paesi a maggioranza musulmana. E’ quanto emerge dalla documentazione depositata in tribunale dal Dipartimento di Giustizia, secondo quanto riporta la stampa statunitense. Con il nuovo decreto “il presidente vuole proteggere immediatamente il nostro paese” piuttosto che andare avanti con la causa in tribunale.

Ma secondo il Wall Street Journal, che cita alcune fonti, le agenzie di intelligence americane non rivelano al presidente americano Donald Trump informazioni sensibili temendo fughe di notizie o una loro compromissione.  Secondo le fonti, la mancanza di comunicazione mostra la scarsa fiducia fra l’intelligence e Trump. Il presidente dal canto suo è sul piede di guerra contro i media: ‘La fuga di notizie, anche su informazioni sensibili, è stata un grande problema a Washington per molti anni. Il fallimentare New York Times (e gli altri) si devono scusare’, ha scritto Trump su Twitter, ‘Si è cominciato a fare luce sugli esseri spregevoli responsabili delle fughe di notizie. Saranno catturati’.

 

– “Si è cominciato a fare luce sugli esseri spregevoli responsabili delle fughe di notizie!. Saranno catturati!”. Così il presidente Usa Donald Trump su Twitter.

 

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/02/16/trump-007-nascondono-informazioni_86c5adcb-d65c-4156-903b-975f9b33089f.html

 

 

Paul Polidori

8098996756tghbjkhjfvyu46543r6745rt78

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento