Vaticano, papa Francesco: «Precarietà, lavoro nero e malavita tolgono dignità alle persone»

20150523_papa

«L’estendersi della precarietà, del lavoro nero e del ricatto malavitoso fa sperimentare, soprattutto tra le giovani generazioni, che la mancanza di lavoro toglie dignità, impedisce la pienezza della vita umana e reclama una risposta sollecita e vigorosa». Lo ha detto papa Francesco durante l’udienza alle Acli.

Sono oltre settemila gli aclisti provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero per stringersi attorno al Pontefice. «Quello che è cambiato nel mondo globale non sono tanto i problemi, quanto la loro dimensione e la loro urgenza. Inedite sono l’ampiezza e la velocità di riproduzione delle disuguaglianze. Ma questo non possiamo permetterlo! Dobbiamo proporre alternative eque e solidali che siano realmente praticabili», ha spiegato papa Francesco.

Papa Francesco, accolto festosamente dai presenti, è entrato nell’Aula Paolo VI per l’udienza alle Acli nel 70/mo anniversario della fondazione. «Questo nuovo pellegrinaggio alla Cattedra di Pietro, a distanza di nove anni dall’incontro con Benedetto XVI, ed a tredici da quello con Giovanni Paolo II – ha affermato Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli – con un’ampia rappresentanza della nostra presenza territoriale italiana ed internazionale, in occasione della ricorrenza dei 70 anni dalla fondazione delle Acli, ci consente di manifestare la vicinanza e il sostegno delle Acli a Papa Francesco».

http://www.ilmessaggero.it/

(Visited 13 times, 1 visits today)

Lascia un commento