7 vegetali ad alto contenuto proteico per una dieta vegana

Spesso, quando si parla di proteine, si pensa a quelle di origine animale. Eppure esistono alternative vegetali che contengono, a volte, ancora più proteine della carne. I vegetali ad alto contenuto proteico sono importanti sopratutto per chi conduce una dieta vegana.

All’abuso di carne sono state associate numerose condizioni di salute. Per quella rossa è arrivata addirittura l’avvertenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’AIRC. È proprio per questo motivo che è importante conoscere quali sono le alternative vegetali alle fonti proteiche di carne.

Ortaggi a foglia verde. Sono tra gli alimenti più nutritivi disponibili in natura, e sono anche molto ricchi di proteine. I broccoli, ad esempio, contengono 2,8 g di proteine ogni 100 g di prodotto, mentre le quantità di proteine salgono a 3 grammi in 100 grammi di spinaci cotti.

Germogli. Possono essere di cereali o legumi, e sono una fonte ricca di fibra, proteine, vitamine e minerali.

Soia. È considerata come una delle prime fonti di proteina vegetale: 200 g di soia contengono circa 29 g di proteine.

Fagiolo con l’occhio. Sebbene poco conosciuto e diffuso, questo legume è ricco di benefici e contiene circa 7,5 g di proteina ogni 150 g di prodotto.

Lenticchie. Eccellente fonte di fibra, folato, vitamina B1, ferro e proteine. 200 g di lenticchie conetngono 18 g di proteina.

Carciofi. Un carciofo dalle dimensioni medie contiene circa 4 g di proteine. Inoltre, il carciofo contiene molti antiossidanti che aiutano a ridurre il rischio di malattie croniche.

Asparagi. 100 grammi di prodotto contengono circa 2,4 g di proteine essenziali. Sono anche tra le fonti più ricche di vitamina K, potassio e antiossidanti.

(Visited 6 times, 1 visits today)