A proposito di Bowie e Crowley, ovvero quando si dicono stupidaggini e si esprimono sentenze senza neanche leggere