Adrian, ascolti a picco. Celentano: “Ho sabotato l’audience”

Nella terza puntata il Molleggiato canta ‘Preghero’ e confessa i suoi peccati. Violenza sulle donne, ambiente e decreto sicurezza i temi dello show

Adriano Celentano canta (finalmente). Ma non basta per risollevare gli ascolti. La terza puntata di ‘Adrian’, serie tv evento di Canale 5 dà largo spazio allo show in diretta dal teatro veronese Camploy. E stavolta il protagonista indiscusso, il ragazzo della Via Gluck, intona ‘Pregherò’. E il pubblico va in delirio totale.

Prima della canzone, però, il ‘molleggiato’ si confessa nuovamente a frate Nino Frassica. “Padre ho peccato anche questa settimana”, dice Celentano, specificando di aver aggravato le sue colpe. “Ho scientemente sabotato gli ascolti di Canale 5. In due puntate non ho cantato e né ballato. Ho detto 13 parole e due sillabe in tutto”. Nino Frassica lo rimprovera ma il ‘molleggiato’ sembra non essere pentito. “Continuerò a peccare sempre di più, puntata dopo puntata, finché deisei milioni iniziali resterà solo uno: quel ragazzo ribelle sarà colui che salverà il mondo”. A questo punto arriva l’assoluzione “nel nome del padre, di Silvio e del santissimo ascolto”. “Ma devi recitare il padre nostro, l’ave maria e un rock“, dice Frassica. E scatta ‘Pregherò’. 

La musica classica in chiave pop della fiction ‘La Compagnia del cigno’ di Raiuno, però, piace molto di più: 5.460.000 spettatori (23.3% di share) contro 3.029.000 spettatori (11.9% share) di ‘Aspettando Adrian’ che scendono a 2.038.000 (10.6% share) per il cartone animato (dati in calo rispetto alle prime due puntate).M

LA TERZA PUNTATA – A teatro, per la terza puntata, oltre a Frassica, ‘Pippo’ di ‘don Matteo’, Giovanni Storti di Aldo Giovanni e Giacomo e Natalino Balasso, c’è ancheIlenia Pastorelli per un monologo sulla violenza sulle donne. Spazio anche al tema della biodiversità in natura (con il tecnico forestale Daniele Zovi, l’uomo degli alberi) e stoccata di Giovanni Storti sul decreto sicurezza. Prima di lasciar spazio al cartoon, Balasso (per conto del Clan Celentano) respinge al mittente le varie accuse di sessismo e volgarità dei nudi presenti nella serie.

IL CARTONE – Per quanto riguarda il cartone animato, nella Milano futuristica del 2068, continua la caccia all’orologiaio che con una semplice canzone ‘I Want To Know’ sembra aver risvegliato le coscienze e, quindi, per il ‘potere’ va trovato e messo a tacere. Adrian gioca d’anticipo e si fa trovare dagli agenti speciali Orso e Carbone con cui stringe un patto: se i due poliziotti passano dalla sua parte lui si presenterà alla città con un’intervista in tv. Ma Adrian lo fa a modo suo, cambiando l’identità e diventato ‘Darian‘ (la ‘Befana’) ma ribadendo l’importanza della bellezza e dei valori umani: “Nessuna ricchezza materiale è in grado di produrre le passioni che provengono dalla ricchezza del cuore“. La figura di Darian non convince Gilda (la fidanzata di Adrian) che pensa che la ‘Befana’ sia un burattino del ‘potere’ per tenere sotto controllo il popolo, così si mette a fare delle ricerche e finisce nei guai.

(Visited 36 times, 1 visits today)