«Ave Satana». Così la Corte suprema dell’Oklahoma abdica alla ragione e si vota al nulla