Baltimora, bimbo dà acqua a poliziotti: gesto diventa simbolo di speranza

20150429_baltimora

C’è un’altra Baltimora che fa fatica a innalzarsi agli onori della cronaca. La Baltimora nascosta che in queste ore ha preso le distanze dai manifestanti in rivolta ed è scesa in strada per ripulire i quartieri della città teatro degli scontri. È la Baltimora di questo bambino di colore diventato in poche ore simbolo di speranza e di fratellanza: immortalato con alcune bottigliette in mano ne porge una a un agente di polizia bianco vestito in tenuta antisommossa per far fronte alle proteste.

La sua famiglia lo aveva portato in strada per ripulire il disastro dei disordini e lui, incurante di quanto accadeva a poca distanza, ha voluto fare un gesto semplice, di pacificazione. E mentre in tv scorrevano le immagini dei violenti scontri su internet quel bimbo dall’aria buona è diventato un simbolo sui social media e in poche ore è rimbalzato da profilo a profilo attraversando l’Oceano e arrivando fino in Europa.

La fotografia è stata scattata da Bishop Cromartie, pastore senior del Prophetic Deliverance Ministries, ed è stata pubblicata su Facebook con un breve didascalia: «È una delle molte immagini che ho catturato oggi mentre si ripuliva la città – ha scritto il Pastore – È un modo per dimostrare che Baltimora non è così male e le persone coinvolte nella sommossa sono una manciata. Il bimbo era l’unico a distribuire acqua. La cosa più sorprendente è che lo stava facendo da solo. Ha dimostrato di avere una mente propria. Nonostante tutto quello che stava accedendo, voleva assicurarsi che la polizia fosse a posto».

È l’altro volto di Baltimora. È il volto di quella mamma, diventata un’eroina sul web, che ha pesantemente redarguito il figlio quando si è accorta che tirava sassi alla polizia. «È il mio unico figlio. E alla fine della giornata non voglio che diventi un altro Freddie Gray».

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/baltimora_violenza_scontri/notizie/1326234.shtml

(Visited 10 times, 1 visits today)