Christine Lagarde: “C’è un complotto insidioso contro le donne che fa perdere all’economia mondiale 9mila miliardi di dollari”

imgres

Christine Lagarde, direttrice del Fondo monetario internazionale, denuncia l’esistenza di “un insidioso complotto” mondiale ai danni delle donne, che impedisce la piena partecipazione economica delle persone di sesso femminile.

“In troppi Paesi le restrizioni legali cospirano contro le donne per impedirci di essere economicamente attive. In un mondo che ha tanto bisogno di crescita,le donne possono dare un contributo, se solo hanno di fronte a sé delle pari opportunità e non una insidiosa congiura”, scrive Lagarde nel suo blog, a commento dell’ultimo studio Fmi sui costi economici del sessismo.

L’imponente ricerca sottolinea come “in più di 40 nazioni, tra cui molto ricche e avanzate, si perde più del 15% della ricchezza potenziale, per effetto delle discriminazioni contro le donne”. L’Italia si colloca in questa media (il Pil crescerebbe del 15% se ci fossero più donne al lavoro), mentre gli Stati Uniti perdono il 5% del Pil, il 9% in Giappone e addirittura il 34% in Egitto.

In totale, il mondo perde 9mila miliardi di dollari a causa di ingiuste restrizioni sul lavoro femminile, che non si traducono soltanto in leggi discriminatorie ma anche in tendenze culturali dure a morire: ancora poche donne si lanciano in professioni tradizionalmente maschili come l’ingegnere, il ricercatore, il politico.

http://www.huffingtonpost.it/2015/02/25/lagarde-complotto-contro-_n_6749766.html

(Visited 11 times, 1 visits today)