Come funziona l’ISIS su Twitter

Come funziona l’ISIS su Twitter

 

Sì è parlato molto negli ultimi mesi dei meccanismi di propaganda dell’ISIS e, nello specifico, della sua intensa presenza su Twitter. Il ricercatore della Brookings Institution J. M. Berger e il data scientist Jonathan Morgan hanno pubblicato lo studio The Isis Twitter Census, che analizza e descrive in 63 pagine “la comunità dei supporter dell’ISIS su Twitter” provando a rispondere a domande come: chi sono i followers dell’ISIS? Dove abitano? Quali tecniche e quali “trucchi” usa l’ISIS per diffondere i suoi messaggi sul web.

Cosa si può fare per contrastarlo? La risposta degli autori è che sospendere e bloccare i loro account è giusto e utile, ma ancora più importante è capire e combattere la “struttura profonda e spesso segreta” della propaganda dell’ISIS su Twitter. Lo studio, che ha seguito per due mesi – dal settembre al dicembre 2014 – oltre 46mila profili Twitter in un qualche modo associati all’ISIS o a dei suoi seguaci, è stato raccontato da Fabio Chiusi su Repubblica:

Oltre 133 mila tweet da 46 mila profili, di cui oltre 1.500 condividono più di 50 contenuti pro-jihad, con picchi fino a tre volte superiori. È questa la potenza di fuoco quotidiana, almeno fino a dicembre 2014, dello Stato Islamico su Twitter, di cui molto si è scritto, ma mai in modo rigoroso e sistematico come in questo lavoro realizzato da J. M. Berger, ricercatore della Brookings Institution, insieme al data scientist Jonathan Morgan. I risultati vengono dal campione che anima le 63 pagine del loro The Isis Twitter Census , uno studio in grado di restituire una inedita demografia dei supporter del Califfato di Al Baghdadi sul social network. Le pagine descrivono il jihadista tipo: sette tweet al giorno, in tre quarti dei casi in arabo (e in uno su cinque in inglese), che raggiungono in media 1004 follower.

Come funziona l’ISIS su Twitter

(Visited 10 times, 1 visits today)