Computer sempre più “intelligenti”: ora sanno anche consolare gli esseri umani