Coronavirus, Boris Johnson stabile e sotto ossigeno. Il Regno Unito si interroga sulla gestione del potere

La Gran Bretagna affronta la dura emergenza Coronavirus col premier premier Boris Johnson in ospedale ricoverato in terapia intensiva.

Qui ha trascorso la seconda notte nella struttura del Thomas’ Hospital di Londra, ricoverato per Covid-19. È in condizioni “stabili” e “di buon umore”, secondo Downing Street. BoJo ha ricevuto ossigeno ma respira senza supporto ed è cosciente. Il Paese si interroga sulla gestione del potere, dopo che Dominic Raab è stato designato come sostituto del premier conservatore. Non è chiaro quanto Johnson resterà in ospedale e Raab ha spiegato che qualsiasi decisione importante da lui presa avrà bisogno dell’approvazione del governo. È stato intanto confermato che per ora non è previsto alcun allentamento delle misure di lockdown. Il portavoce di Johnson ha aggiunto, hanno riferito i media britannici, che non ha la polmonite: in questo caso, per la sua ripresa sarebbero state necessarie settimane.

Oggi il Guardian, citando operatori sanitari di terapia intensiva, ha scritto che i pazienti ricoverati in questo tipo di reparti generalmente restano per circa tre settimane, in cui vengono intubati e assistiti con un ventilatore. Cita inoltre un rapporto secondo cui dei pazienti in terapia intensiva ammessi da quando è esplosa l’epidemia a febbraio solo il 15% è stato dimesso, una percentuale simile è morta, il resto rimane in ospedale.

https://corrieredellumbria.corr.it/news/coronavirus/1562466/coronavirus–boris-johnson-stabile-e-sotto-ossigeno-regno-unito-interroga-gestione-potere-come-sta-bojo.html
(Visited 10 times, 1 visits today)