Coronavirus, fase 2 dal 4 maggio con ritorno alla normalità e uscite scaglionate per fasce di età

Nei giorni della lunga emergenza Coronavirus che sta interessando anche l’Italia, a tenere banco è ormai la cosidetta Fase 2, il momento cioè in cui inizierà il lento ritorno alla normalità. L’ipotesi più probabile è quella delle riaperture scaglionate, sia per ciò che riguarda le attività economiche, sia per le uscite per fasce di età di persone che progressivamente potranno riprendere la propria vita normale.
La data di riferimento per tutti sarà comunque quella del 4 maggio, dopo la quale potrebbero essere prese le decisioni attese da tutti. Di certo c’è che, sulla base delle curve epidemiologiche e delle statistiche su contagiati e morti per fasce di età, sarà un ritorno alla normalità graduale. Dal momento che oltre il 70% delle vittime appartiene alla fascia compresa fra i 70 e i 90 anni e oltre il 30% aveva un’età compresa fra i 70 e gli 80 anni, è scontato che gli ultimi a poter uscire di casa saranno i cittadini che hanno più di 70 anni, a maggior ragione quelli che soffrono già di una o più patologie croniche.
La decisione di prevedere un ritorno alla normalità scaglionato dopo il Covid 19 fa riferimento anche alla necessità di non congestionare le strutture sanitarie, che da parecchie settimane sono soggette a una pressione

https://corrieredellumbria.corr.it/news/coronavirus/1569889/coronavirus-fase-2-dal-4-maggio-con-ritorno-alla-normalita-e-uscite-scaglionate-per-fasce-di-eta-emergenza-italia-riaperture-uscite-scaglionate-curve-epidemiologiche-statistiche-su-contagiati-morti-fasce-di-eta-anziani.html
(Visited 53 times, 1 visits today)