Coronavirus, i malati aumentano di 2.477 unità, in percentuale è il dato più basso da un mese. Ancora 760 decessi

Solo l’11% di persone positive tra quelle a cui è stato fatto il tampone. I guariti raggiungono quota 18.278, per un aumento in 24 ore di 1431

Sono dati con più luci che ombre quelli del bilancio odierno sull’epidemia del coronavirus. L’aumento dei malati (ovvero le persone attualmente positive) è pari a 2.477 (l’altro ieri era stato 2.107 e ieri 2.937). I tamponi fatti oggi sono 39809, circa cinquemila in più di ieri. Quindi il dato è positivo perché pur essendo stati fatti molti più tamponi oggi, l’aumento dei malati è più basso: 1 malato ogni 8,5 tamponi fatti,  l’11%, ovvero il dato più basso da un mese a questa parte.

Restano ancora tanti, troppi, i morti. Secondo i dati della Protezione civile sull’epidemia di coronavirus in Italia, nelle ultime ventiquattr’ore ore sono morte 760 persone (ieri le vittime erano state 727), arrivando a un totale di decessi 13.915.

I guariti raggiungono quota 18.278, per un aumento in 24 ore di 1431 unità(ieri erano guarite 1.109 persone).

Il numero totale di persone che hanno contratto il virus dall’inizio dell’epidemia è 115.242 (+4668 nuovi contagi rilevati nelle ultime 24 ore, praticamente tanti quanto ieri).

Molto importante il calo di pressione sulle rianimazioni: “Almeno dal 27 marzo – ha detto Borrelli – assistiamo a una riduzione degli incrementi per quanto riguarda ricoverati e terapie intensive; queste ultime oggi presentano un aumento veramente contenuto, rispetto a ieri solo 18 persone. Tutta una serie di valori si stanno stabilizzando: non so dirvi se abbiamo iniziato la decrescita, dico che dobbiamo mantenere alte le misure, i comportamenti, basta un nulla per creare meccanismi repentini di riavvio del contagio. Preferisco rimanere con i piedi per terra”.

Intanto sono saliti a più di cento i milioni raccolti sul conto corrente dedicato del Dipartimento della protezione civile. La cifra esatta è “101 milioni e 246 mila euro, una cifra importante di cui circa 9,9 milioni 1,8 solo oggi – ha ricordato Borrelli – sono stati già spesi nell’acquisto di ventilatori e dispositivi di protezione individuale”.

E continua a essere molto preoccupante il numero di medici e infermieri positivi al virus: “Il 9,7% di tutti i contagiati sono operatori sanitari, un numero importante, serve la massima attenzione e supporto”, ha detto Sergio Iavicoli, direttore del dipartimento di medicina epidemiologia e igiene del lavoro dell’Inail.

Un passaggio della conferenza stampa è stato dedicato all’accusa della Regione Lombardia di aver ricevuto fino a ora solo “briciole” dalla Proezione civile: “Su 45 milioni di mascherine, il 17% sono state inviate a regione Lombardia”, ha replicato Borrelli.

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/04/02/news/coronavirus_covid_bilancio_morti_contagi_positivi_guariti-252967888/
(Visited 37 times, 1 visits today)