Coronavirus, Phuket blocca nave Costa con 173 italiani. Altra nave fermata a Napoli. Plauso dell’Oms all’Italia

Primo positivo in Vaticano. Colpiti oltre 90 tra Paesi e territori nel mondo

Attracco vietato a Phuket per la nave da crociera Costa Fortuna che ha 173 italiani a bordo (sono 64 quelli interessati dalle restrizioni per lo sbarco). Madagascar e Thailandia hanno imposto restrizioni a causa del coronavirus allo sbarco di italiani che siano stati nel nostro Paese negli ultimi 14 giorni. Costa ha cambiato itinerario dirigendosi alle Seychelles. La nave, comunica la compagnia, è in navigazione verso la Malesia. Lo rende noto la compagnia sottolineando che i passeggeri “tutti stanno bene”.

Un’altra nave è stata bloccata nel porto di Napoli, proveniente da Genova, con a bordo nove membri dell’equipaggio che manifestano sintomi ipoteticamente riconducibili al coronavirus. Si attendono i controlli medici. La nave ha a bordo 125 persone tra equipaggio e alcuni operai.

Plauso Oms all’Italia per gestione della crisi – “Sincero apprezzamento” per la leadership dimostrata dal ministro della Salute italiano Roberto Speranza” nella gestione della crisi sul coronavirus e per aver concordato l’invio a Roma presso il ministero di “un senior advisor” dell’Organizzazione mondiale della sanità. Lo ha espresso Hans Kluge, direttore per l’Europa dell’Oms, nel suo intervento al Consiglio Ue salute straordinario. Kluge ha anche chiesto di sostenere l’Italia in quanto “piattaforma del know how Ue sul virus”.

Spallanzani, 244 dimessi tra guariti e negativi – In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani “67 pazienti”. “I pazienti Covid positivi sono in totale 31” oltre la coppia cinese ormai negativa. E’ quanto emerge dal bollettino medico di oggi. “I pazienti in osservazione – prosegue il bollettino – sono 34”. “I pazienti, ad oggi, dimessi, che hanno superato la fase clinica e che sono negativi per la ricerca dell’acido nucleico del coronavirus sono 244”. Così il bollettino medico dello Spallanzani. “Non stiamo in una fase di grande assedio. Sono numeri al momento abbastanza contenuti. Nessuna attività è sospesa”, ha detto il direttore sanitario del Spallanzani.

Primo caso in Vaticano, si valuta Angelus solo in video – “Questa mattina sono stati temporaneamente sospesi tutti i servizi ambulatoriali della Direzione Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano per poter sanificare gli ambienti a seguito di una positività al Covid-19 riscontrata in un paziente. Rimane però in funzione il presidio di Pronto Soccorso. La Direzione Sanità e Igiene sta provvedendo ad informare le competenti autorità italiane e nel frattempo sono stati avviati i protocolli sanitari previsti”. Lo riferisce il portavoce vaticano Matteo Bruni. 
 
Analoga decisione potrebbe essere presa per udienza generale . Allo studio in Vaticano le modalità per proseguire gli appuntamenti che richiamano normalmente molti fedeli. La prima novità ci potrebbero essere con l’Angelus di Papa Francesco di domenica 8 marzo. Tra le ipotesi c’è anche quella di trasmetterlo solo in video considerato che comunque, per quanto ci sia una diminuzione di fedeli a causa del coronavirus, ai controlli ci sono sempre file e assembramenti. Analoga decisione, apprende l’ANSA, potrebbe essere presa anche per l’udienza generale del mercoledì.

Alle Molinette due anziani ricoverati, il figlio lavora a Lodi
Una coppia di ottantenni, da alcuni giorni ricoverata nel reparto di Medicina generale diretto dal dottor Luca Scaglione delle Molinette di Torino, è risultata positiva al Coronavirus. Erano arrivati in ospedale per quella che sembrava influenza, non dichiarando che era venuto a fare loro visita proprio in quei giorni il figlio, che lavora nella ‘zona rossa’ di Lodi. Lo si apprende da fonti sanitarie regionali. La Direzione aziendale dell’ospedale ha posto in essere i dovuti provvedimenti del caso.

Sono state attivate tutte le procedure, compresa l’analisi del percorso dei pazienti dal loro arrivo in ospedale. La donna è già stata trasferita all’ospedale Amedeo di Savoia, come da procedura regionale, mentre il paziente, più critico, è ricoverato in rianimazione. Secondo quanto si apprende, non c’è nessun rischio per gli altri ricoverati, che in termini precauzionali sono stati comunque spostati in altri reparti dell’ospedale. Sono già in corso le analisi epidemiologiche per mettere in sicurezza operatori ed eventuali visitatori, che hanno avuto contatti con i due pazienti.

LA SITUAZIONE ALL’ESTERO

Sono già 91 i Paesi ed i territori nel mondo colpiti dal coronavirus, che registrano un totale di 98.387 casi confermati e 3.383 decessi: è quanto emerge dall’ultimo aggiornamento del quadro fornito dall’università Johns Hopkins sull’evoluzione del virus. Si va dalla Nuova Zelanda al Canada, dall’Argentina alla Russia: con Cina, Corea del Sud e Italia in testa per numero di contagi. E il virus non ha risparmiato neanche le isole di Saint-Barthelemy (Francia), nei caraibi, e Faroe (Danimarca), nel Nord Atlantico.

La Cina ha riportato 30 nuovi morti legati al coronavirus, 143 nuove infezioni e 16 cosiddetti “contagi di ritorno”, i casi importati da persone arrivate nel Paese. Nel complesso, sono 3.042 le persone decedute in Cina per il Covid-19, ha riferito la Commissione sanitaria nazionale (Nhc). La Corea del Sud ha registrato 196 nuovi casi di coronavirus rispetto all’ultimo bollettino del pomeriggio di ieri, per un totale di infezioni salito a 6.284. I decessi sono saliti a 42, secondo quanto riferito dal Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc).

E’ boom nell’est della Francia – Chiusura di un centinaio di scuole nel dipartimento dell’Alto-Reno, nell’est della Francia, in seguito al boom di casi di coronavirus, con 81 contagi confermati in appena 48 ore: è quanto annunciato dalle autorità di zona. Nel dipartimento dell’est della Francia viene inoltre decretato il divieto di contatti “tra giovani e persone anziane” nonché il divieto di “raduni di oltre 50 persone”.

Si aggrava ancora il bilancio in Iran con altri 17 decessi nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 124. 

Trump: state calmi, funzionerà tutto bene – “Tutti devono stare calmi. Tutto funzionerà bene, speriamo che non duri troppo a lungo”: Donald Trump ha risposto così alla prima domanda, sul coronavirus, in un dibattito con potenziali elettori sulla Fox mentre in Usa crescono i casi e le polemiche per i ritardi nell’affrontare l’emergenza.

Scuole e università chiuse in tutta Italia fino al 15 marzo: una decisione presa dal Governo seguendo la “linea della massima precauzione”. E ancora: sospensione in tutto il Paese, come per le zone rosse, di manifestazioni ed eventi “di qualsiasi natura” e “in qualsiasi luogo”; partite e competizioni sportive, compresa la serie A, a porte chiuse; sport di base che non si ferma ma solo a condizione che vengano rispettate le raccomandazioni dell’Istituto superiore di Sanità. “Potrebbe configurarsi questa eventualità” ha risposto infatti a chi gli chiedeva se fosse ipotizzabile un allungamento dei tempi.

E le scuole sono chiuse anche in altri Paesi come l’India, a New Delhi, e Seattle.

https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2020/03/04/coronavirus-nuovi-casi-in-cina-e-corea-del-sud.-borse-ancora-giu_75f57213-11ca-4535-a4ee-591879fce50f.html
(Visited 14 times, 1 visits today)