Coronavirus, Rezza (Iss) mette in guardia: “I test sierologici non danno patentino di immunità”

Continua a tener banco la questione del test sierologico, analisi attraverso la quale censire le persone che sono entrate in contatto con il virus e individuare gli anticorpi prodotti dal nostro sistema immunitario in risposta al virus. A chi considera questo genere di esame una sorta di “abilitazione” per la ripresa delle proprie attività ha risposto Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità, che ad Agorà su Rai3 ha ribadito ch “i test sierologici non danno un patentino di immunità”.
“Stiamo studiando un test sierologico -ha spiegato Rezza – ma non dà un patentino di immunità. Dobbiamo fare uno studio di prevalenza per vedere la diffusione nelle varie aree italiane. Ora la curva epidemica è in diminuzione”. Rezza ha anche aggiunto che “i vari test, se sono affidabili, ci dicono solo se una persona ha sviluppato o no degli anticorpi contro il virus. E devono essere eventualmente accompagnati da un tampone”.

https://corrieredellumbria.corr.it/news/coronavirus/1573129/coronavirus-giovanni-rezza-iss-mette-in-guardia-i-test-sierologici-non-danno-patentino-di-immunita-istituto-superiore-sanita-tampone-anticorpi-virus-esami-analisi-controlli-covid-19.html
(Visited 7 times, 1 visits today)