Coronavirus, sospensione del mutuo per la prima casa: tutte le cose da sapere

Una settantina di domande quelle arrivate a Consap per la sospensione del mutuo della prima casa. Le banche che raccolgono le istanze stanno chiedendo molte precisazioni circa la procedura (il modulo, clicca qui). 

La prima riguarda le tempistiche: per la sospensione fa fede l’invio della domanda, poi le banche hanno cinque giorni lavorativi per informare il mutuatario e 45 giorni per attivare la sospensione (che decorre dalla data di invio della richiesta). Nella moratoria sono accettati i mancati pagamenti fino a 90 giorni precedenti l’invio della domanda. Tutte le richieste di sospensione del mutuo, anche quelle “ex lege”, avranno i 18 mesi di moratoria. Può fare richiesta, oltre a chi ha perso il lavoro, anche chi ha avuto sospensioni o riduzioni almeno del 20% per più di trenta giorni o un calo del fatturato superiore al 33% (nel periodo dal 20 febbraio in poi). Altra specifica: la banca deve aver aderito al Fondo nazionale Gasparrini. E poi procedure semplificate per non uscire di casa. Attenzione alla compilazione della domanda: la domanda è poi rischio se la durata della moratoria non viene esplicitata (sei mesi oppure dodici o infine diciotto), se non ci sono certezze meglio flaggare l’opzione minore e semmai prorogare o rinnovare la richiesta. La sospensione si può chiedere anche per la ristrutturazione sempre legata alla prima casa. Durante la sospensione resta a carico del mutatario il pagamento del 50% degli interessi. Infine non serve più avere un mutuo attivo da almeno un anno. 

https://corrieredellumbria.corr.it/news/coronavirus/1566266/coronavirus–sospensione-mutuo-prima-casa-tutte-le-cose-da-sapere-come-fare.html
(Visited 13 times, 1 visits today)