Coronavirus, tutti gli aggiornamenti in Italia e nel mondo

Sono oltre 110 mila i casi di Coronavirus nel mondo (qui la mappa). In Italia il bollettino ufficiale dell’8 marzo conta 7.375 positivi (qui la mappa) e 366 morti, di cui 133 nella giornata di domenica, facendo diventare il nostro Paese il secondo per numero di morti dopo la Cina. Oltre tremila e ottocento i decessi nel mondo (chi sono e quanti anni hanno).

Ore 11.29 – A Cosenza 60 medici di base in quarantena
Sessanta medici di famiglia a Cosenza sono stati posti in quarantena dopo aver avuto contatti, negli ultimi giorni, con un informatore farmaceutico risultato positivo al coronavirus.

Ore 11.15 – Lasciano Parma per una vacanza a Madrid: denunciati
I carabinieri hanno denunciato due giovani di 20 e 25 anni, provenienti da Parma, che stavano andando all’aeroporto di Bologna per prendere un aereo per Madrid, violando le disposizioni del decreto per limitare il contagio da coronavirus. Durante un controllo stradale, alla richiesta di specificare il motivo per cui si trovavano fuori dalla loro provincia hanno risposto che stavano andando all’aeroporto per partire per viaggio di piacere. Entrambi sono stati denunciati.

Ore 11.13 – Tentativo di evasione dal carcere di Palermo
Tentativo di evasione dal carcere Ucciardone a Palermo. Alcuni detenuti per protesta contro lo stop alle visite in carcere per l’emergenza hanno tentato di scavalcare la recinzione dell’istituto di pena per cercare di fuggire. Il tentativo è stato bloccato dalla polizia penitenziaria. Ieri sera la protesta era scattata anche al Pagliarelli, il secondo carcere di Palermo.

Ore 11. 12 – Gli oncologi: «Rinviamo chemio non urgenti»
Per i pazienti oncologici, tranne in casi urgenti, è «meglio rinviare i trattamenti di chemioterapia in ospedale e le visite programmate di controllo, valutando caso per caso in base alla terapia». Lo afferma l’Associazione Italiana di Oncologia Medica, per far fronte all’emergenza.

Ore 10.59 – Rivolta in corso nel carcere di Foggia
Una rivolta è in corso nel carcere di Foggia: sette detenuti sono riusciti ad evadere e alcuni sono già stati fermati (qui l’approfondimento). Ieri sei detenuti sono morti a Modena, mentre altri quattro sono in gravi condizioni. In tutto sono 18 i pazienti trattati, in gran parte per intossicazione. Proteste anche a San Vittore dove alcuni detenuti sono saliti sul tetto del carcere.

Ore 10.57 – Positivo un funzionario della Nato
Un funzionario della Nato è risultato positivo dopo essere tornato a Bruxelles da una vacanza nel Nord Italia.

Ore 10.54 – Carceri: durante le proteste prendono psicofarmaci, 2 morti
Per un’overdose da psicofarmaci due detenuti degli Istituti penitenziari di Verona e Alessandria sono morti. I due avevano approfittato delle proteste nelle carceri, esplose in seguito alle nuove disposizioni per il coronavirus, per sottrarre psicofarmaci dall’infermeria.

Ore 10.48 -Egitto, i positivi sono saliti a 55
È salito a 55 il numero di casi positivi di coronavirus in Egitto, dopo che nelle ultime ore sono stati rilevati sette nuovi contagi. Lo ha reso noto il ministero della Sanità in un comunicato. Il totale dei casi risultati positivi è salito a 55.

Ore 10.24 – In Veneto 58 nuovi casi: ora sono 744

Crescono ancora i casi in Veneto: da stamattina sono 744 i malati, 58 in più rispetto al report precedente. I deceduti sono 20, mentre le persone ricoverate salgono a 237 e di questi 51 si trovano in terapia intensiva.

Ore 10.24 – In stazione Centrale a Milano i primi controlli sui viaggiatori
Sono iniziati i primi controlli alla stazione Centrale di Milano per i viaggiatori in partenza. Agli ingressi per accedere al binario, dove vengono controllati i biglietti, c’è un desk per il controllo degli accessi dove il personale della Polizia Ferroviaria, insieme a quello dell’esercito, fanno compilare ai viaggiatori l’autocertificazione dove devono specificare da dove arrivano, dove sono diretti e per quali motivi stanno viaggiando (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute). Al varco si è formata una lunga coda.

Ore 10.13- Tensioni al funerale del 15enne ucciso a Napoli
Tensioni con le forze dell’ordine questa mattina a Napoli durante il corteo funebre organizzato per Ugo Russo, il ragazzo di 15 anni ucciso mentre tentava di rapinare un carabiniere a Napoli. La polizia ha fermato il corteo, in seguito alle disposizioni del decreto sul coronavirus: messe e funerali sono sospesi.

Ore 10.03 – In Germania superati i 1100 contagi
È cresciuto a 1112 in Germania il bilancio dei contagi da coronavirus. Ieri erano 902 le persone positive.

Ore 10.03 – Sardegna, salgono a 19 i contagi
Quattro nuovi casi in Sardegna, tutti a Cagliari e in isolamento domiciliare, incrementa il numero dei contagi a 19: lo ha comunicato la Regione.

Ore 9.53 – Borse, panico in Europa: Milano crolla (-10,8%)
Un’ondata di vendite si abbatte su Piazza Affari (-10,8%) e sulle Borse europee dopo le misure del governo italiano per arginare il virus (qui l’approfondimento).

Ore 9.43 – In Arabia Saudita 15 casi, anche un americano stato in Italia
Altri quattro casi sono stati confermati in Arabia Saudita. In totale sono 15 le persone contagiate nella monarchia del Golfo. Tra i quattro nuovi casi, c’è un americano che è stato nelle Filippine e in Italia.

Ore 9.35 – Al cinema i peggiori incassi di sempre
È il peggior incasso di sempre per il cinema italiano quello dell’ultimo weekend: solo 439.515 mila euro, con un meno 79% rispetto al precedente già disastroso (-65%). Ed è anche l’ultimo incasso fino a nuovo ordine.

Ore 9.33 – Nelle Marche i casi salgono a 323
I dati di stamattina, comunicati dall’Ospedale di Torrette (Ancona), indicano 323 casi positivi su 1250 test analizzati.

Ore 9.27 – Salgono a 12 le vittime in Piemonte
Tre nuove vittime nella notte in Piemonte: un 81enne di Cavallirio (No) e di un altro di 50 anni di Vercelli, entrambi con patologie pregresse, e una donna di 72 anni, di Settimo Torinese deceduta all’ospedale di Chivasso. Salgono a 12 le vittime in Piemonte.

Ore 9.14 – Oltre 9 mila i Pugliesi rientrati dal Nord
«Il totale delle persone che si sono auto-segnalate per essere rientrate in Puglia sono 9mila 362 dal 29 febbraio. Solo ieri erano 2mila e cinquecento», ha detto presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ad Agorà. Emiliano osserva che si tratta di persone che «sanno che in Puglia il sistema sanitario funziona e quindi nella scelta preferiscono stare qui piuttosto che al Nord».

Ore 9.15 – All’aeroporto di Milano Linate poche partenze
I passeggeri in partenza dall’aeroporto di Milano Linate questa mattina si contano sulle dita di una mano: partono per tornare a Londra o a Lamezia Terme, due dei pochi voli non cancellati della mattinata. Al check-in, al momento, gli assistenti di terra, in mascherina e guanti, non domandano ai passeggeri le ragioni e necessità del viaggio, né si vede polizia che controlla o verifica le partenze. Oggi i voli Alitalia sono 26, prima del virus erano 204.

Ore 9.06 – Lunedì nero a Piazza Affari: le contrattazioni non partono
L’ondata di vendite che si è riversata su Piazza Affari all’apertura della settimana di contrattazioni, dopo il decreto per contenere il virus, non fa aprire le contrattazioni alla Borsa di Milano. Sul Ftse Mib, infatti, solo Recordati ha aperto a -8% ed è stata subito sospesa, mentre gli altri 39 titoli non fanno prezzo (l’approfondimento).

Ore 8.31 – L’India nega l’attracco alla nave da crociera Msc
L’India ha deciso di chiudere i porti alle navi da crociera straniere per timore del contagio e ha già negato il permesso di attracco a una nave europea, la Msc Lirica, capace di trasportare 2.000 passeggeri e 700 membri di equipaggio. La compagnia di crociere Msc ha precisato che a bordo non c’è nessun caso.

Ore 8.12 – Usa, i casi sono 564 in 34 Stati
Sono saliti a 546 i casi di coronavirus negli Stati Uniti. New York e Washington hanno il maggior numero di casi. I morti sono 21 in totale: diciotto nello Stato di Washington, due in Florida e uno in California.

Ore 5.11 – Riapre in parte Shanghai Disney Resort
Riapre, sia pure parzialmente, lo Shanghai Disney Resort, a oltre un mese dalla chiusura decisa a fine gennaio. Il parco divertimenti di Disneyland resta chiuso, ma l’area dello shopping e dell’intrattenimento della zona di Disneytown, più un parco e un hotel hanno ripreso a lavorare «come primo passo di una riapertura a fasi successive».

https://www.corriere.it/cronache/20_marzo_09/coronavirus-tutti-aggiornamenti-italia-mondo-d99e4afe-61d2-11ea-9897-5c6f48cf812d.shtml
(Visited 27 times, 1 visits today)