Abbandonare la caccia per coltivare cacao, le donne Waorani dimostrano che si può.

– La salvezza del pianeta passa da gesti piccoli ma di grande valore. In Ecuador, la tribù indigena dei Waorani ha deciso di rinunciare alla caccia per dedicarsi alla coltivazione del cacao in foresta e preservare così il proprio ambiente.La selvaggina è difficile da trovare e per combattere il depauperamento della fauna, l’Associazione delle Donne del Waorani dell’Amazzonia equadoregna, ha sviluppato un programma che offre alberi di cacao alle donne locali se i mariti rinunciano alla caccia. All’inizio gli uomini delle 70 tribù coinvolte non erano favorevoli. ”Gli uomini ci dicevano che non eravamo capaci, ma le donne sono capaci di occuparsi delle casa e di tutto, ora gli uomini hanno capito che è la scelta giusta” spiega Patricia Nenquihui responsabile del progetto.Per favorire questo passaggio dalla caccia all’agricoltura l’associazione acquista il raccolto di cacao a 1,25 dollari al kg – 45 centesimi al di sopra del prezzo di mercato – e lo invia a Quito, per essere trasformato in cioccolata sostenibile

multimedia-151222132005-660x330

Abbandonare la caccia per coltivare cacao, le donne Waorani dimostrano che si può.

 

(Visited 21 times, 1 visits today)