Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'wp_pre_kses_block_attributes' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.ciaddnews.com/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 288

Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'wp_pre_kses_block_attributes' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.ciaddnews.com/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 288
“Da Gheddafi 20 milioni a Sarkozy ho visto la lettera del loro accordo” – Ciadd News

“Da Gheddafi 20 milioni a Sarkozy ho visto la lettera del loro accordo”

Missouri, braccio destro del Colonnello: “Nel 2005 ci chiese aiuto”

«Ho visto la bozza della lettera d’accordo per finanziare la campagna elettorale di Sarkozy sulla scrivania di Gheddafi. Non ricordo il giorno esatto, ma il mese sì. La data del documento era dicembre 2006. In calce aveva firmato Moussa Kussa e la lettera era indirizzata a Gheddafi». La rivelazione è di Moftah Missouri, braccio destro di Muhammar Gheddafi e testimone del finanziamento del regime libico a Nicholas Sarkozy.

 

Per capire il personaggio occorre ripercorrere la sua carriera. Uomo elegante e colto, dottorato alla Sorbona, e visiting in diverse università tra Europa, Africa e Medio Oriente. Parla cinque lingue tra cui l’ebraico, si considera «un eterno studente». Ha 67 anni, è in pensione, viaggia, scrive novelle e poesie e ha una passione per l’Italia: «Per noi libici è il Paese di riferimento, siamo affini per storia e mentalità». La sua carriera diplomatica inizia nel 1975 per il ministero degli Esteri libico con incarichi diversi da attaché sino ad arrivare precocemente al ruolo di ambasciatore: «Avevo 30 anni». Conquista la fiducia di Gheddafi nel 1996 dopo avergli fatto da interprete francese per un incontro fuori programma. «Qualche giorno dopo mi chiamò il ministro Omar Almutu, mi disse che il leader voleva parlarmi».

 

Da allora diventai il suo uomo di fiducia, ero tra i pochi a parlare direttamente con lui, diventai il suo interprete ufficiale di francese ma di fatto consigliere e confidente, anche quando andavo in visite per cui non c’era bisogno delle mie traduzioni, voleva che io andassi comunque. Gheddafi gli affida la gestione del dossier francese proiettandolo agli alti piani del regime libico, ma senza sporcarsi le mani di sangue. Missouri partecipa a tutti gli incontri più delicati che riguardano i rapporti tra Tripoli e Parigi, in primis quello fra il Colonnello e l’allora ministro dell’Interno francese Nicolas Sarkozy durante la visita a Tripoli del 6 ottobre 2005. Le foto dell’epoca lo ritraggano in mezzo ai due leader intento a tradurre ogni parola. Due anni dopo diventa un testimone chiave del finanziamento alla campagna elettorale di Sarkozy.

 

Quando è stata la prima volta che ha sentito parlare di questa storia? 

«Sono stato ambasciatore e responsabile del desk Francia. Nel 2005 quando Sarkozy era ministro dell’Interno ho tradotto l’incontro con Gheddafi a Tripoli».

 

Cosa si dissero? 

«Fu Sarkozy a introdurre il discorso dicendo che era sua intenzione candidarsi alle presidenziali francesi. Gheddafi rispose che come amico non avrebbe esitato ad aiutarlo. Non parlarono di soldi, ma il concetto era chiaro. Gheddafi disse: è un bene avere un amico come presidente francese. E sottolineò: “Ti incoraggio e sono pronto ad aiutarti”».

 

Come si è arrivati ai soldi? 

«Dopo qualche tempo ho visto la bozza della lettera d’accordo per finanziare la campagna elettorale di Sarkozy sulla scrivania di Gheddafi. Non ricordo il giorno esatto, ma il mese sì. La data del documento era dicembre 2006. In calce aveva firmato Moussa Kussa e la lettera era indirizzata a Gheddafi».

 

Cosa c’era scritto? 

«Ricordo bene di aver letto che la cifra proposta era di 50 milioni di euro. I personaggi indicati da parte francese per la finalizzazione dell’accordo erano Brice Hortefeux e l’intermediario franco-libanese Ziad Takieddine. Da parte libica si indicava Bashir Saleh, Abdallah Senoussi».

 

Come ha saputo che Gheddafi stanziò solo 20 milioni di dollari? 

«Durante un’intervista alla vigilia dei bombardamenti della Nato nel marzo 2011, Gheddafi disse a una giornalista francese che aveva aiutato la campagna elettorale di Sarkozy. Alla domanda su quanti soldi avesse versato rispose che non si ricordava la cifra. Qualche giorno dopo Gheddafi mi rivelò che il contributo libico a Sarkozy era stato di 20 milioni di dollari».

 

Come si spiega la decisione di attaccare la Libia nel 2011? 

«Sarkozy era rimasto spiazzato della mancata realizzazione di diversi contratti con Tripoli».

 

I ribelli volevano il Colonnello vivo, ma fa ucciso durante la cattura. Cosa ne pensa? 

«Ha ragione, i ribelli lo volevano vivo, qualcun altro no».

 

http://www.lastampa.it/2018/03/30/esteri/da-gheddafi-milioni-a-sarkozy-ho-visto-la-lettera-del-loro-accordo-ZB02BiF8DG4NVUMWcHsopN/pagina.html

 

(Visited 10 times, 1 visits today)

Potrebbero interessarti anche...