DONNA MUORE DOPO UN INTERVENTO IN OSPEDALE A GENOVA, UCCISA DAL BATTERIO KILLER: “QUATTRO MESI DI AGONIA”

Il batterio killer. Si chiama klebsiella e «vive» negli ospedali, torna a uccidere a Genova. Dopo la decina di casi sospetti del 2015 il batterio ha causato la morte di una donna di 42 anni, ricoverata all’ospedale Galliera dopo un intervento di riduzione gastrica e deceduta dopo quattro mesi di agonia lo scorso settembre. La causa del decesso è stata scoperta dal medico legale Francesco Ventura che nei giorni scorsi ha depositata la perizia al pm Pier Carlo Di Gennaro che aveva aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. Secondo il medico legale, però, l’infezione non può essere addebitata a nessun medico in particolare ma ci sarebbero comunque i margini per citare l’ente ospedaliero in una causa civile per il risarcimento dei danni. 

Era stato il marito della donna, assistito dall’avvocato Stefano Bigliazzi, a denunciare tutto alla magistratura. L’uomo aveva denunciato che la moglie era stata operata a maggio e che sarebbe dovuta uscire dopo quattro giorni. Invece, dopo due giorni era iniziato il calvario: le venne riscontrato un versamento e la donna venne rioperata. Anche nelle settimane successive la donna venne sottoposta ad altri interventi per stenosi addominali. Fino alla contrazione del batterio killer e alla morte dopo quattro mesi.

 

http://www.leggo.it/news/italia/donna_muore_dopo_intervento_uccisa_batterio_killer_vive_negli_ospedali_agonia_genova-2193713.html

 

(Visited 10 times, 1 visits today)