• Mer. Dic 2nd, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

“E’ troppo nero”, rifiutato da tre coppie etero, bimbo adottato da due papà

DiPaul Polidori

Gen 31, 2016

“E’ troppo scuro di pelle ed è bruttino”. Tre coppie eterosessuali lo avevano “scartato” con questa motivazione.

Paolo (nome di fantasia) che adesso ha 5 anni, era finito a 2 anni nell’orfanotrofio di una città del Brasile (nazione in cui è possibile l’adozione da parte di coppie dello stesso sesso). Il tribunale ha voluto dare una quarta possibilità al piccolo.

Questa storia ha avuto un certo eco l’anno scorso in tutto il mondo e nel giorno in cui in Italia si tiene un Family Day per “scongiurare” che il DDL Cirinnà sulle Unioni Civili diventi legge, ci sembra opportuno riproporla.
Marzo del 2015. Gilberto e Rodrigo, una coppia di gay brasiliani, raggiungono un orfanotrofio per incontrare Paolo. Dopo pochi minuti, tutti e tre iniziano a giocare per molte ore:

“I nostri cuori erano colmi di speranza – spiegano i due compagni – e siamo scoppiati in lacrime per la gioia rientrando a casa”.

Quella di Paolo è una vicenda molto tormentata e nell’orfanotrofio c’è finito perché i genitori erano alcolizzati. Morta la madre, il padre non ha voluto saperne di crescerlo. La prima famiglia che lo ha adottato lo maltrattava e Paolo era stato rispedito in un altro collegio a Capelinha, nello Stato di Minas Gerais.

Altre tre coppie, l’avevano conosciuto: le prime lo avevano rifiutato perché “troppo nero”, e l’ultima perché “bruttino”.

“Paolo ormai è nella nostra vita – raccontano Gilberto e Rodrigo – Lui è in età prescolare, frequenta corsi di nuoto e di fitness e oggi non potrebbe essere più felice… Rilasciamo queste dichiarazioni e la possibilità di pubblicare le nostre foto per mostrare la nostra quotidianità. Siamo una famiglia normalissima, due padri con il loro figlio, con due gatti e con il nostro cane che Paolo ama moltissimo”.

Il piccolo, il primo giorno entrando nella sua nuova cameretta, si è guardato intorno entusiasta e stupito perché non poteva credere che quella stanza così colorata e accogliente fosse stata preparata per lui.

Questo è uno dei tanti episodi che ogni giorno avvengono in molte parti del mondo e che abbiamo voluto ricordare per stare accanto a chi combatte le discriminazione non solo contro gli omosessuali, ritenuti indegni di crescere dei figli, ma anche contro i neri ancora nel 2016 vittime di razzismo.

12592753_10208610599521932_8478569921178161550_n-702x336

“E’ troppo nero”, rifiutato da tre coppie etero, bimbo adottato da due papà

 

(Visited 14 times, 1 visits today)