Ecco cosa succede al tuo corpo se salti i pasti

È vero che i digiuni prolungati aumentano il rischio di accumulare chili in più? Abbiamo cercato di fare chiarezza con l’aiuto della nutrizionista Nicoletta Bocchino

Avere qualche chilo di troppo non è solo un cruccio estetico. Essere in sovrappeso mette a rischio la salute. Predispone alla comparsa di malattie cardiovascolari, diabete e molte altre patologie. Per sbarazzarsi dei centimetri in più e dimagrire una delle cose più frequenti che si fa quando si seguono diete fai da te è saltare i pasti. «In realtà, è un grosso errore» commenta la nutrizionista Nicoletta Bocchino. «Fare digiuni prolungati, senza criterio e organizzazione dei pasti successivi, non fa perdere peso, anzi ha l’effetto contrario.

A lungo andare fa aumentare il rischio di andare incontro a chili in più e mette in pericolo la salute» aggiunge l’esperta.

Favorisce l’effetto yo-yo
Diversi studi hanno osservato che chi si sottopone a diete molto drastiche è più soggetto al cosiddetto “effetto yo-yo”, conosciuto anche come “effetto fisarmonica”, che si verifica quando si perde peso e lo si riacquista velocemente e con gli interessi. «Questo meccanismo non è dannoso solo per la linea, ma anche per la salute. Favorisce le carenze nutrizionali e altera il metabolismo. Inoltre, favorisce una ripresa del peso per lo più di massa grassa» spiega la nutrizionista.  I digiuni prolungati favoriscono inoltre l’insorgenza degli attacchi di fame e il rischio di cedere con più facilità alle abbuffate. «Digiunare per tante ore, saltando per esempio la colazione o il pranzo, aumenta il rischio di mangiare maggiori quantità di cibo nel pasto successivo e spinge a esagerare con le calorie» dice l’esperta.

Il metabolismo rallenta
Saltare i pasti rallenta anche il metabolismo e quindi il consumo delle calorie a riposo.   «Gli attacchi di fame vengono percepiti dal cervello come una minaccia alla riserva energetica e spingono il metabolismo a risparmiare. Di conseguenza, il corpo brucia di meno e il peso a lungo andare aumenta. Per mantenere attivo il metabolismo il consiglio è di mangiare poco e spesso, facendo 3 pasti principali (colazione, pranzo e cena) e 2 spuntini, uno a metà mattina e l’altro a metà pomeriggio. Aiuta a regolare meglio l’appetito e tiene lontani gli attacchi di fame improvvisi» suggerisce la nutrizionista Nicoletta Bocchino.

La pancia aumenta
Ridurre in modo netto l’introito calorico durante la giornata e saltare i pasti a lungo andare ha poi un altro svantaggio. «Aumenta il rischio di accumulare più adipe a livello del girovita. Il grasso addominale è uno dei più pericolosi per la salute perché predispone a numerosi disturbi, per esempio quelli cardiovascolari (pressione alta, infarto, ictus, ecc.)» avverte l’esperta. «Il corpo infatti quando non riceve cibo per molto tempo interpreta la riduzione dell’introito calorico come un segnale di carestia e tende a conservare le riserve di grasso, a consumare di meno e accumulare di più» conclude l’esperta.

https://www.vanityfair.it/benessere/dieta-e-alimentazione/2019/08/31/ecco-cosa-succede-al-tuo-corpo-se-salti-pasti
Hungry woman is waiting an order in a restaurant


(Visited 10 times, 1 visits today)