Emergenza continua: le vittime sono 1.441, il Governo ribadisce: “Non vi spostate, nemmeno per tornare in famiglia”

Borrelli, capo della Protezione Civile, chiede di evitare polemiche. Bertolaso nuovo consulente della Lombardia. All’estero Spagna sempre più esposta al contagio: positiva anche la moglie del Premier Sanchez

La situazione è complessa, alla vigilia di una settimana molto importante. Sono attualmente 17.750 i malati di coronavirus in Italia, 2.795 in più in un giorno, mentre il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 21.157: le vittime sono 1.441, in un solo giorno c’è stato un aumento di 175 morti. Sono 1.518 i malati ricoverati in terapia intensiva, 190 in più rispetto a venerdì. “Siamo di fronte ad una grande pandemia, dobbiamo lavorare tutti insieme senza polemiche”, ha detto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli riferendosi alle accuse arrivate da alcune Regioni, in particolare della Lombardia (sulle mascherine inutilizzabili, a detta dell’Assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera).

Situazione sempre più difficile in Lombardia: “Sono almeno 7 giorni che arriviamo a fine serata solo con 15 letti liberi in terapia intensiva. C’è un limite che è soprattutto quello dei respiratori”: dice Gallera. Intanto, Guido Bertolaso sarà il “consulente personale” del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, per la realizzazione del progetto riguardante la costruzione di un ospedale dedicato ai pazienti Covid presso le strutture messe a disposizione della Fondazione Fiera di Milano.

Palazzo Chigi ha fatto appello a non viaggiare, “nemmeno per tornare in famiglia”. Per contenere la diffusione del coronavirus sono stati sospesi i treni notturni (e i collegamenti con la Sardegna). La notte scorsa si è avuto infatti un nuovo esodo da Milano verso il Sud Italia. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, si è nuovamente espresso sui social, criticando questo comportamento: “Ci state portando tanti altri focolai di contagio che avremmo potuto evitare”. In Puglia ieri si è registrato un balzo di 50 nuovi casi di pazienti positivi al coronavirus che ha portato i contagiati a 158. Intanto l’Italia si scopre più unita: si moltiplicano i flash mob dalle finestre.

In mattinata si terrà il Consiglio dei ministri per il varo del decreto con le misure economiche per far fronte all’emergenza Coronavirus. Mentre è stata raggiunta l’intesa tra sindacati e imprese: è stato firmato il “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”. Si lavora anche al nuovo decreto sull’emergenza. Tra le ipotesi lo stop alle scadenze fiscali di lunedì per tutti, allo studio anche il calo delle bollette, per alleviare famiglie e imprese. In arrivo anche ammortizzatori sociali, congedi speciali, sostegno alla liquidità delle imprese e nuove misure per aiutare il servizio sanitario in affanno.

Il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri è risultato positivo al test dopo esser stato alcuni giorni fa in contatto con un “sospetto positivo”. Positiva anche la viceministra Anna Ascani che è in isolamento. Il consigliere regionale della Lombardia Marco Colombo, ex sindaco leghista di Sesto Calende, è ricoverato in terapia subintensiva all’ospedale di Circolo di Varese. È stato inoltre trasferito all’ospedale “Cotugno” di Napoli il deputato Edmondo Cirielli.

Anche la storica Scala di Milano deve fare i conti con l’emergenza: Dominque Meyer, il sovrintendente del teatro milanese, ha lanciato il grido di dolore: “Stiamo vivendo un momento drammatico, la Scala perde un milione a settimana. Dobbiamo accantonare progetti elaborati per anni, avremo biosgno del sostegno pubblico”.

La Spagna e la Francia seguono la linea italiana e chiudono tutto mentre aumentano contagi e decessi, soprattutto in terra iberica. Nella tarda serata di ieri le agenzie hanno battuto la notizia della positività della moglie del premier spagnolo Pedro Sanchez, Begona Gomez: fonti del governo assicurano che i due stanno bene e sono alla Moncloa a seguire gli sviluppi del Paese dopo la dichiarazione dello stato d’emergenza. La Francia invece ha deciso di chiudere tutti i luoghi pubblici “non indispensabili”, fra i quali ristoranti, bar, luoghi di culto: lo ha annunciato in diretta tv il primo ministro, Edouard Philippe.

In Cina intanto prosegue il trend positivo. La percentuale di guarigione è salita all’81%. Intanto a causa del coronavirus Apple chiude tutti i suoi negozi nel mondo, a eccezione dei 42 Store in Cina che la compagnia ha riaperto.

https://www.gazzetta.it/Altri-Mondi/15-03-2020/emergenza-continua-vittime-sono-1441-governo-ribadisce-non-vi-spostate-nemmeno-tornare-famiglia-3601723844698.shtml
(Visited 66 times, 1 visits today)