Expo Milano: il secondo giorno Sala: «Dati buoni, ora migliorare»

Par8163302-kqyG-U430804338336820ED-1224x916@Corriere-Web-Milano-593x443

 – le foto il primo giorno

Successo per l’inaugurazione: 200mila visitatori stimati e oltre 4 milioni di telespettatori per la cerimonia inaugurale in tv. Oggi alle 10 già fila ai tornelli

Sole e fila ai tornelli: già dall’inizio il secondo giorno di Expo era avviato a bissare il successo del primo. L’affluenza dei visitatori, infatti, è stata superiore «almeno del dieci per cento» a quella del giorno dell’inaugurazione. Secondi i dati, almeno 220 mila persone hanno visitato l’Esposizione Universale. «Si tratta di numeri da record che ci lasciano entusiasti», ha commentato il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. La cerimonia di inaugurazione, trasmessa ieri mattina in diretta da Milano su Rai1, è stata seguita da 4 milioni 205mila telespettatori, pari a una share del 32,54. La fila all’entrata per il secondo giorno è cominciata già prima delle 10, tantissimi visitatori in arrivo sia dalla metropolitana che dal passante ferroviario. Code anche nel centro ExpoGate di via Beltramini per comprare i biglietti per l’Esposizione. Le devastazioni dei black bloc durante la manifestazione di venerdì 1 maggio a Milano non hanno spento l’entusiasmo e l’ottimismo dei visitatori che hanno affollato il sito espositivo.

Sala: «Primi dati sono buoni»

«I primi dati sono buoni e servono per mettere a punto la macchina»: ha dichiarato Giuseppe Sala, commissario di Expo 2015, durante la conferenza stampa convocata a Rho per tracciare un bilancio del `giorno 1´ di Esposizione universale. «Ho già fatto riunione con i collaboratori» ha spiegato, sottolineando di essere pronto ad aggiustare qualche dettaglio. Come la pulizia: «Fondamentale: stanotte abbiamo dato una bella botta e chi va in giro ora vede un sito pulito». Poi bisogna migliorare la segnaletica, «che entro 48 ore si sistema», e l’arredo urbano. Per quanto riguarda invece le file all’ingresso, secondo Sala i controlli «non sono troppo rigidi». Facendo un bilancio del primo giorno, ha poi concluso: «Penso di essermi messo in testa tre mesi fa, e non prima, che ce l’avremmo fatta. Il lavoro è buono ma oggi comincia una sceneggiatura diversa».

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_maggio_02/expo-secondo-giorno-06653d34-f0ab-11e4-a840-81cad89c3055.shtml

(Visited 9 times, 1 visits today)