Hanno ripristinato 5 ospedali dismessi in soli 5 giorni: il miracolo degli alpini veneti

Ospedali dismessi che adesso potranno ospitare circa 740 pazienti vista l’emergenza da Covid-19. Il tutto, grazie agli alpini della Protezione civile del Veneto che sono riusciti in una missione che sembrava impossibile: ripristinare cinque strutture ospedaliere abbandonate da anni in appena cinque giorni.

Sui social hanno documentato il loro duro lavoro fatto negli ospedali di Valdobbiadene, Zevio, Monselice, Isola della Scala, Bussolengo. In prima linea, infaticabili e sempre pronti a dare il loro supporto durante le emergenze. Anche questa volta le Penne nere si sono spesi in tutto e per tutto, lavorando dalle otto del mattino alle sei di sera, quasi no stop. La situazione era veramente al limite del possibile.

“Quando siamo arrivati con i funzionari della Regione mi sono messo le mani nei capelli, perché si immagina cosa può essere un ospedale, con ancora i vecchi letti e tutta la mobilia abbandonato da quattro lustri? Non sapevamo da dove cominciare, ma sapevamo che dovevamo farcela, e molto presto”, spiega Bruno Crosato, coordinatore della Protezione civile ANA della sezione di Treviso e responsabile della Colonna mobile nazionale degli Alpini a Ytali.

Un tour de force che ha visto l’impegno di 480 volontari delle sezioni ANA di Treviso, Conegliano Valdobbiadene e Vittorio Veneto per ripristinare letti, igienizzare le strutture, ripristinare sanitari e sgomberare i vecchi ospedali da ingombranti. In queste immagini si può vedere il loro duro lavoro:

“In 3 giorni sistemate le strutture per un totale di circa 600 posti letto. Impegnati circa 400 volontari ogni giorno in coordinamento con la Regione Veneto”, si legge su Facebook.

(Visited 15 times, 1 visits today)