I benefici del massaggio drenante

Care donne, questo articolo è particolarmente dedicato a voi e alla vostra attenzione per la nemica numero della prova costume ma non solo, ormai è diventata anche una prova palestra, prova appuntamento, persino prova a specchio…intero.
Quello di cui vado a parlare oggi è l’importanza del massaggio drenante, una particolare tecnica dai benefici fisici, in grado di migliorare la capacità respiratoria, riattivare la circolazione, rilassare la muscolatura e riequilibrare i livelli ormonali; e benefici psicologici, che permettono di sperimentare l’accoglienza, la distensione e il rilassamento, con un aumento del livello di autostima. Toccando dei punti specifici del corpo, si possono stimolare organi e tessuti capaci di riattivare il linfodrenaggio, ossia la movimentazione della linfa, all’interno dei vasi linfatici quali vene e capillari ad esempio.
La linfa come per le piante, è un elemento molto importante per il nostro organismo. Le nostre cellule sono immerse all’interno del liquido interstiziale e perilinfa, nutrite da sostanze provenienti dal sangue arterioso, alimentano i tessuti e riversano nella perilinfa le sostanze di scarto, batteri e cellule morte. Dunque la linfa serve a depurare il nostro organismo dalle sostanze in eccesso, in particolare nei confronti di quegli elementi che il sangue non riesce a smaltire autonomamente. I linfonodi, che si trovano all’interno dei vasi linfatici, fungono da filtri con una funzione immuno-difensiva, come sede di produzione dei linfociti. Dopo essere passata attraverso i tronchi linfatici, la linfa si riversa nel sistema venoso ai due lati della base del collo, dunque abbiamo un linfa depurata e ripulita, pronta a riprendere il suo ciclo.
I gonfiori sono quindi causati da un accumulo di liquido interstiziale che può provocare anche seri danni all’organismo, proprio per tutte quelle sostanze di scarto che il nostro corpo non riesce a smaltire. Il linfodrenaggio si presta come una soluzione naturale ed ovviamente efficace per curare alcune patologie.
Gli effetti del linfodrenaggio sono molteplici: ha effetti vegetativi, con conseguenze di rilassamento dei muscoli agendo sul sistema nervoso parasimpatico; effetti sulla conduzione algica, dove con leggere pressioni variabili si stimolano le cellule inibitrici che minimizzano o eliminano le sensazioni dolorose; effetti immunologici, in cui grazie alla stimolazione dei linfonodi percepibili, viene riattivato il sistema immunitario; effetti sulla muscolatura liscia dei vasi sanguigni linfatici, con effetti positivi sui vasi sanguigni; e per ultimo, ma ovviamente non per importanza, ha effetti drenanti, per cui si sottrae quota fluida dal tessuto connettivo lasso
Come per ogni massaggio, è importante conoscere le indicazioni da seguire, si che si tratti di drenaggio manuale estetico che medico.
Nel campo estetico, le problematiche che possono trarre beneficio da questo tipo di massaggio sono:
• Acne
• Cellulite
• Cicatrici
• Smagliature
• Couperose
• Dermatite
• Invecchiamento cutaneo
In campo medico, dopo aver ricevuto conferma da parte dello specialista, si può applicare con successo per:
• disturbi articolari
• disturbi extra-articolari
• sclerodermia
• apoplessia
• cefalee ed emicranie
• encefalopatie linfostatiche
• nevralgie del trigemino
• edemi in gravidanza
• edemi della sindrome premestruale
• edemi post-operatori, post-traumatici
• stitichezza
Controindicazioni
Esistono casi in cui deve essere evitato il linfodrenaggio, sia perché inefficace, sia perché può essere dannoso. I casi da evitare sono:
• infezioni acute
• insufficienza cardiaca
• flebite o trombosi
• gravi problemi renali o al fegato
• asma o bronchiti acute
• disturbi del basso ventre
• ipotensione

https://medium.com/@markuswellness/i-benefici-del-massaggio-drenante-ad2b467fee96#.nxp044jj4
(Visited 22 times, 1 visits today)