Il Comune “licenzia” i numeri romani: dalle targhe alle bollette, addio alle tradizionali cifre dell’Impero