• Dom. Nov 27th, 2022

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo domani domenica 13 novembre ore 16.30 ai Martedì Letterari del Casinò di Sanremo.

DiPaul Polidori

Nov 12, 2022

CIADD NEWS 24... in diretta RADIO e TV

“Mi chiamo Francesco Paolo Figliuolo, ho sessant’anni e sono un alpino. Porto un cappello con la penna che qualcuno considera buffo, e io trovo bellissimo. Mi piace camminare in salita e non sento il peso dello zaino …” 

Inizia così il volume “Un Italiano. Quello che la vita mi ha insegnato per affrontare la sfida più grande” ( Rizzoli)  Conversazione tra il Generale Figliuolo e il giornalista editorialista del Corriere della Sera  Beppe Severgnini. Poche frasi iniziali che racchiudono il mondo di un servitore dello Stato che come Commissario  straordinario per l’emergenza Covid 19 è riuscito a tutelare e a salvare gli italiani realizzando la più grande campagna vaccinale del dopoguerra.

Il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo , una personalità che è entrata nei cuore degli italiani come simbolo di rigore, racconterà questa sua esperienza ma anche i giorni di scuola, la maturazione in Accademia, il percorso intrapreso per diventare un alpino, domani  domenica  13 novembre ore 16.30  nel Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo nell’ambito della rassegna “ I Martedì Letterari “.

L’incontro, curato da Marzia Taruffi, aperto dalla meravigliosa chitarra classica del Maestro  Diego Campagna, testimonial musicale  italiano a livello mondiale, vede la collaborazione del Distretto  108 Ia3, del  Lions International, del Lions Club Sanremo Host, del Lions Club Sanremo Matuzia. Partecipano l’Unuci e il Cestimari.  In chiusura si esibirà con tutto il suo entusiasmo l’orchestra giovanile “Note Libere” di Cristina Orvieto e Fabrizio Ragazzi, Premio San Romolo alla Cultura 2019 del Comune di Sanremo. 

L’ingresso a teatro è libero sino all’esaurimento dei posti disponibili.

Gli alpini amano la propria terra e la propria gente, sono seri ma non seriosi, si aiutano a vicenda, sanno che la fatica fa parte del mestiere. Neppure la lunga marcia in salita contro il Covid li ha spaventati.” 

( dalla presentazione dell’opera) …” 

Se avete preso in mano questo libro è perché il 1° marzo 2021, mentre l’Italia era nel pieno della pandemia ed era indispensabile far decollare la campagna di vaccinazione, la presidenza del Consiglio ha scelto come Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 un generale degli alpini. Così gli italiani hanno imparato a conoscere Francesco Paolo Figliuolo, la sua divisa e il suo cappello con la penna («Qualcuno lo considera buffo, io lo trovo bellissimo»). Il Commissario non ha perso tempo a parlare di sé. Lo fa per la prima volta in questo libro, incontrando Beppe Severgnini. I coautori si sono visti molte volte, hanno conosciuto le rispettive famiglie e gli allievi. Ne è uscita la storia di «un ragazzo meridionale di periferia» che, dopo il liceo classico a Potenza e l’Accademia militare a Modena, segue il consiglio del colonnello che comandava il distretto della sua città: «Francesco, tu devi andare in artiglieria da montagna, perché lì si fanno le cose seriamente. E poi noi di Potenza siamo montanari…». Così diventa alpino, e l’idea di fare le cose seriamente è il principio che guida la sua carriera, dalle difficili missioni in Kosovo e in Afghanistan al Comando logistico dell’Esercito. Anche nel nuovo ruolo di Commissario e coordinatore della campagna vaccinale ha voluto fare le cose seriamente. Significa prendere decisioni basate su conoscenza, competenza, buonsenso e precisione. Significa cambiare strategia se la situazione lo richiede. Significa muoversi tra la politica, l’amministrazione, la sanità. Significa capire di quali persone fidarsi e di quali diffidare. Significa arrabbiarsi e poi farsela passare («Ogni tanto mi esce la vena!» confessa). Significa saper ascoltare, motivare e lavorare in gruppo. «L’Italia ha davvero tutto, deve solo imparare a metterlo insieme.» Ecco il compito che si è dato un italiano come il generale Figliuolo.

Il Generale di Corpo d’Armata  Francesco Paolo Figliuolo, originario di Potenza, ha maturato esperienze e ricoperto molteplici incarichi nella Forza Armata dell’Esercito, interforze e internazionale.

Ha ricoperto l’incarico di Capo Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore della Difesa, dal 7 novembre 2018 è Comandante Logistico dell’Esercito.

In ambito internazionale ha maturato esperienza come Comandante del Contingente nazionale in Afghanistan, nell’ambito dell’operazione ISAF e come Comandante delle Forze NATO in Kosovo (settembre 2014 – agosto 2015). Oggi guida il Comando operativo di Vertice interforze. Il 1° marzo 2021 è stato nominato Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. È sposato con Enza e ha due figli, Salvatore e Federico.

Il Generale Figliuolo è stato insignito di numerose onorificenze. Tra le più significative la Decorazione di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia, la Croce d’Oro ed una Croce d’Argento al Merito dell’Esercito e NATO Meritorious Service Medal.

(Visited 4 times, 1 visits today)
Invia un messaggio
1
Dir. artistica Emanuela Petroni
Salve, posso esserti utile ?