Il killer di Sousse su Facebook esaltava l’Isis, ma per il premier era un “insospettabile”