Il “padre” di Internet: «Il web? Il peggior nemico del pensiero critico»