In Vaticano la “gioia della musica” per i poveri