Is sferra nuovi attacchi: colpita ambasciata Corea del Sud a Tripoli e raffineria Baiji in Iraq

110545490-0c02ed52-19a4-402c-89b2-f0c628d3ce4b

Alcuni militanti del gruppo terroristico, a bordo di un’auto, hanno aperto il fuoco all’ingresso della sede diplomatica in Libia. Preso di mira il più grande impianto iracheno

Nuovi attacchi dello Stato islamico. Uomini armati appartenenti all’Is hanno sferrato un attacco contro l’ambasciata della Corea del Sud in Libia, uccidendo almeno due guardia. Una persona è rimasta ferita. Lo riferisce il ministero degli Esteri di Seul, precisando che alcuni militanti del gruppo terroristico, a bordo di un’auto, hanno aperto il fuoco all’ingresso della sede diplomatica. “Non sono state segnalate vittime sudcoreane”, ha aggiunto un funzionario. Insieme a Iraq, Yemen, Somalia, Siria e Afghanistan, la Libia, ricorda l’agenzia sudcoreana Yonhap, è tra le nazioni su cui la Corea del Sud ha imposto un divieto di viaggio. Per andare in questi Paesi è necessario un permesso speciale del governo.

L’Is ha anche lanciato una serie di attacchi suicidi contro la raffineria Baiji, la più grande dell’Iraq, a nord di Baghdad. Lo riferiscono fonti militari irachene citate da France24. Le fonti parlano del “più violento attacco da mesi”. L’esercito ha detto comunque di avere il “pieno controllo” dell’impianto. Baiji si trova a circa 40 chilometri a nord di Tikrit. Durante gli scontri sembra siano morti almeno 11 estremisti.

http://www.repubblica.it/esteri/2015/04/12/news/libia_is_attacca_ambasciata_corea_del_sud_a_tripoli-111747796/

(Visited 25 times, 1 visits today)