• Mar. Dic 1st, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Isis, Kerry a Roma: «Chiesto nuovi contributi alla coalizione. Essenziale ruolo Italia»

DiPasquale Stavola

Feb 2, 2016
WCENTER 0XQCACQGAK                US Secretary of State John Kerry talks during a joint press conference with Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni (unseen) after a meeting of the anti-ISIS coalition in Rome, Italy, 02 February 2016. US Secretary of State John Kerry said after a meeting of the anti-ISIS coalition in Rome Tuesday that "we will try to crush Daesh (ISIS) from every angle and cut off its supplies". He added: "This war is long term, longer than traditional conflicts". Kerry also said "the crisis in Syria is getting worse every day. Thirteen million Syrians need aid, and six million of them are children". ANSA/ANGELO CARCONI
WCENTER 0XQCACQGAK US Secretary of State John Kerry talks during a joint press conference with Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni (unseen) after a meeting of the anti-ISIS coalition in Rome, Italy, 02 February 2016. US Secretary of State John Kerry said after a meeting of the anti-ISIS coalition in Rome Tuesday that “we will try to crush Daesh (ISIS) from every angle and cut off its supplies”. He added: “This war is long term, longer than traditional conflicts”. Kerry also said “the crisis in Syria is getting worse every day. Thirteen million Syrians need aid, and six million of them are children”. ANSA/ANGELO CARCONI

«Cercheremo di schiacciare Daesh da ogni angolo e togliergli rifornimenti». Lo ha detto il segretario di Stato Usa John Kerry oggi a Roma dopo la riunione della Coalizione anti-Isis a Roma, aggiungendo però che «questa guerra è di lungo periodo, più lungo rispetto a conflitti più tradizionali».

«Ho chiesto ai paesi della coalizione di dare nuovi contributi» alla lotta all’Isis «in base a ciò che ogni paese può fare dai raid alla logistica all’intelligence. Mi aspetto che quando ci incontreremo a Monaco per la conferenza sulla sicurezza ogni paese avrà chiaro che tipo di contributo potrà dare», ha poi proseguito Kerry.

Parlando nella conferenza stampa conclusiva del vertice che si è svolto alla Farnesina tra i 23 principali Paesi della coalizione anti-Daesh, Kerry ha sottolineato che l’Italia è stata finora un alleato «fantastico», ricordando l’impegno nell’addestramento delle forze impegnate sul terreno, l’impegno militare e quello sul fronte dell’assistenza umanitaria e i contributi finanziari forniti alla coalizione. «Non potremmo avere un partner migliore», ha aggiunto Kerry.

«L’Italia è stata grandiosa. Il suo impegno nella coalizione è uno dei più grandi in termini di persone, di contributi finanziari e militari in Iraq e, in particolare, per il suo ruolo di leadership in Libia nel processo di formazione del governo», ha detto ancora il segretario di Stato americano.

In Libia il ruolo dell’Italia è «essenziale» per «continuare a schiacciare Daesh», ha sottolineato ancora Kerry, rispondendo a una domanda sul ruolo italiano nello sforzo globale contro lo Stato islamico.

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/isis_kerry_roma_chiesto_nuovi_contributi_coalizione-1525437.html

(Visited 4 times, 1 visits today)