• Sab. Mag 15th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

La nozione artistica di Paolo Battaglia La Terra Borgese su Pasquale Potestio

DiChiara Fiume

Gen 5, 2018

PASQUALE POTESTIO, OPERA: “LA PIETÀ – MORTE PER EBOLA” – 2015, OLIO SU TELA, CM 120 X 100 

“Io non sono un genio come si dice, sono solo curioso. Faccio molte domande, e quando la risposta è semplice allora vuol dire che Dio sta rispondendo”, diceva Einstein.

Una morte muliebre. Quella raffigurata è la morte nella morte, spega Paolo Battaglia La Terra Borgese: muore anche la possibilità di procreare. Ad uccidere è l’ebola, virus quasi sconosciuto che prende il nome della zona del Congo in cui fu scoperto. La disperata donna africana dipinta è distrutta dal dolore per la morte del suo uomo ed è sostenuta con solidarietà da chi è partecipe alla sua pena intensa.

Gli abiti contemporanei a noi spiano moderne povertà oltre che astruse globalizzazioni.

Il colore della pelle si fa desiderio di ragguaglio nei confronti di un terzomondismo lavorativo delle politiche di sostegno economico. Ma soprattutto e dunque, è auspicato da Potestio,  l’impegno di proseguire sulla strada solidale - tracciata e intrapresa da ancora pochi uomini della terra - a cui il dipinto porge l’accesso ponendovi l’attenzione.

L’opera tratta l’attualissimo argomento che verte sull’ambiente e la qualità della vita nel terzo millennio. Lontana dal favoritismo di giornata, la solidarietà è vissuta nel significato profondo della crescita spirituale attraverso la cultura, da donare a chi, con questa, può migliorare le proprie condizioni e, in catena, il mondo in generale. In una condizione di imperfetta distribuzione del sapere, Pasquale Potestio realizza sette figure. Il numero 7 è simbolo del tutto, poiché il 7 è il numero della perfezione e della creazione. E figura qui l’utopia umana intesa non tanto con riferimento alla più comune accezione di ideale che non può attuarsi praticamente, bensì, con evidente riferimento alla Politeia platonica, come ideale che ha la forza e le caratteristiche per porsi quale fine all’azione e pertanto alla realtà.

Il pudore dell’Artista verso l'eccesso di teoria piega con drammaticità sul senso cristiano della sofferenza umana, salvifici doloris. Così il dolore incentra la scena attraverso il pallore e le smorfie della morte sui volti, e la speranza muore anch’essa nel pallore generale della tela, nel senso panico del colore, poiché l’arte deve - scrisse Nietzsche:  prima di tutto abbellire la vita.

Redigeva Ugo Foscolo per Ippolito Pindemonte “… Anche la Speme, Ultima Dea, fugge i sepolcri”. Pasquale Potestio, cerca in questo suo lavoro, particolarmente nel disegno, quella vita segreta, fantastica, brulicante, indefinita, mostruosa, che fa parte della natura invisibile all’occhio umano.

Questo olio su tela, impetuoso, è di una spontaneità violenta quanto spirituale. Privo di ogni brillantezza pittorica rappresenta il silenzio, quel mutismo figlio del disinteresse. Chi lo realizza nei concetti diviene contenitore di Verità.

Obtorto collo la prospettiva, le definizioni e il colore di Potestio, architetto, evaporano ed esalano più semplici, più immediate umili e simili ad un’ampia comprensione del mondo.

Il messaggio dell’Artista è quello di correggere l’abitudine a percorrere pigramente  i percorsi ideativi della soggettività dell’uomo come mezzo di movimento  che apre il nostro sé agli altri e il sé di ogni altro a noi. Il segreto delle cose.
(Visited 26 times, 1 visits today)

Chiara Fiume

Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è un critico d'arte, saggista e politico italiano. È il più giovane di due figli del funzionario della Regione Siciliana Giuseppe Battaglia La Terra Borgese (1937-2003) e di Giuseppa Ligotti (1942). Il suo nome all’anagrafe è Paolo Waldimiro Gromiko Palmiro. A conclusione di un percorso di studi magistrale, nel 1984 si è laureato in Scenografia con il massimo dei voti e la lode. Coniugato due volte, ha due figli, di cui uno avuto da una terza donna. In una intervista condotta da Andrea Giostra per Fattitaliani.it, Battaglia La Terra Borgese ha dichiarato che il critico d’arte, come il mediatore culturale, è un delegato bilingue che media tra condividenti monolingue ad una chiacchierata di due collettività filologiche differenti. Sino al 1999 ha affiancato aziende di nicchia per l’arte e l’editoria artistica per bibliofili. Dal 2000 in poi i suoi lavori sono concentrati nella redazione di testi per terze parti. A queste cede anche i diritti di legge. Nel 2011 ha fondato il Premio Arte Pentafoglio, onorificenza atta ad insignire annualmente artisti, letterati e comuni cittadini che hanno orientato il loro pensiero e la loro azione verso il bene umanitario. Tra le figure più autorevoli insignite dell’onorificenza spicca quella di Philippe Daverio. Nel 2012, sigla una convenzione (protocollo 50905/2012) con l’Università degli Studi di Palermo, divenendo Tutor nei tirocini per laureati e laureandi. Nel 2013 l’Accademia di Sicilia lo nomina, insieme alle massime Autorità siciliane, tra i membri del Comitato d’Onore permanente del Premio Nazionale Liolà, importante riconoscimento del quale sono stati insigniti illustri personaggi come l’attrice Debora Caprioglio e Damiano Damiani, regista de La Piovra, miniserie RAI. Nel 2013 è eletto Consigliere Provinciale Acli Terra, l’associazione professionale delle ACLI la cui iniziativa favorisce l’integrazione e interscambio fra culture e tradizioni sui territori, nella fedeltà a valori e radici comuni. Si dimette dopo un anno. Nel 2014 conia il termine “partecipativa”, intendendo riqualificare e reinterpretare il ruolo dell’Artista nelle mostre collettive. Per il 2014 / 2015 è nominato Prefetto del Rotary Club Palermo Sud. Dal 2015 al 2018 ha prestato consulenza artistica al Comune di Castronovo di Sicilia, dove ha curato la nascita del Museo Civico di Arte Contemporanea di Palazzo Giandalia. Ha operato a fianco dell’Ambasciata di Polonia in Italia, dell’Ambasciata della Repubblica d’Armenia, dell’Ambasciata d’Austria, di Organismi Internazionali tra i quali UNESCO, Scuole Pubbliche, Ordine dei Giornalisti, Ordine dei Medici, Ha curato annulli filatelici con Poste Italiane, ha insignito docenti dell’Università di Berna. Nel 2016 è insignito quale Cavaliere onorario del Supremo Ordine dell’Antico e Rigenerato Rito Templare – Supremo Gran Consiglio del 9° Grado Cathedrale, quale uomo di cultura. Nel 2017 ha fondato a Milano il partito Italia Attiva con altre persone. Il partito di area assolutamente liberale si propone anzitutto treno del libero pensiero per i comparti produttivi del Paese con particolare attenzione al mondo delle professioni, per lo sviluppo sano della società italiana e comunitaria dell’Europa. Sue ultime opere sono: “Esseri”, Bonanno Editore, 2015. ISBN 9788896950913; “In viaggio con Dante”, Bonanno Editore, 2015. ISBN 97888961807253. Repertorio: https://www.comune.palermo.it/noticext.php?id=7421 | http://www.palermotoday.it/cronaca/philippe-daverio-riconoscimento-premio-arte-pentafoglio.html | http://livesicilia.it/2014/07/03/rotary-club-palermo-sud-ecco-il-nuovo-direttivo_512143/ | http://www.comune.castronovodisicilia.pa.it/albo-pretorio/images/Determina-del-Sindaco-n.-21.pdf | https://www.comune.palermo.it/js/server/uploads/_01122016111137.pdf | https://www.comune.palermo.it/noticext.php?id=3007#.VSvScdysV8E | http://www.lopinionista.it/mostra-pittorica-palermo-zamenhof-lesperanto-la-lingua-per-tutti-11212.html | http://www.mercurpress.it/2018/05/morgantina-giornalisti-al-museo.html | https://www.ordinemedicipa.it/notizia.php?tid=2829 | http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/09/20/news/memorial_d_acquisto_strade_chiuse_in_centro-123275082/ | https://video.repubblica.it/edizione/palermo/a-palermo-l-orgoglio-massone/270918/271386