L’ASSALTO DEI SEIMILA LAUREATI PER UN POSTO FISSO DA INFERMIERE

Sono tutti laureati e sognano un posto fisso. Ieri mattina via Orlanda è stata bloccata a più riprese a causa delle migliaia di automobilisti che si recavano al Taliercio per le prime due prove organizzate dall’Ulss 3 veneziana. Si tratta delle preselezioni che prevedono una prima scrematura per arrivare a 1200 candidati, più possibili ex aequo, quindi al massimo 1400 persone. Dopodiché, spiegano i Sindacati, seguirà il concorso vero e proprio per entrare nella graduatoria che conterrà tra i 700 e i 900 possibili nuovi infermieri dalla quale l’Unità sanitaria pescherà nei prossimi anni i nomi di chi avrà bisogno di assumere. Non c’è una scadenza di questa graduatoria: subito ci sono una quarantina di posti da coprire, ossia quelli dei contratti a tempo determinato, e nel giro di un anno un altro centinaio di persone al posto di chi andrà in pensione. Necessità ce n’è sia negli ospedali di Mestre e Venezia, sia in quelli di Chioggia, di Dolo e di Mirano, tutti rientrati sotto la guida dell’Ulss 3 dopo la fusione della 12 con la 13 e la 14. Per il resto, una volta ammessi e sperando di essere in buona posizione, non rimane che sperare che man mano si liberino altri posti. Ieri c’erano 6 mila pretendenti per entrare in quella prima graduatoria da 1200 posti.

 

http://www.leggo.it/news/italia/concorso_lavoro_infermiere_assalto_candidati_laureati_mestre_ulss3-2345047.html

 

(Visited 15 times, 1 visits today)