L’indegno campo migranti finanziato dalla buonista Ue