• Gio. Nov 26th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

L’Inps ha i conti in rosso ma ai figli degli statali paga le vacanze all’estero

DiPasquale Stavola

Mar 13, 2016

1413111050-55c66f8cfc5925c587200abf8b537d74

Mantenuto il privilegio previsto dall’Inpdap, anche se il buco è di 13 miliardi: campus e corsi di lingua estivi per 35mila ragazzi

Vacanze pagate, parzialmente o totalmente, a beneficio di ben 35 mila ragazzi. Il tutto a spese dell’Inps.

Per 22.520 studenti si apriranno le porte di corsi estivi di lingua all’estero, altri 12 mila e 730 si accontenteranno di vacanze in Italia. Detta così sembra una notizia fantastica visto che la maggioranza dei genitori, gravati da tasse e contributi, non possono permettersi di sostenere i costi di campus e corsi di lingua. Ma quella di «Estate InpSieme» è un’altra storia italiana, fatta di generosità selettive se non malriposte e di conti pagati da altri. La vacanza finanziata con i soldi della previdenza è infatti offerta esclusivamente ai figli di lavoratori pubblici, attivi o in pensione. Residuo di un’era in cui lo Stato sociale era generoso anche con le giovani generazioni. Salvo poi, una volta tirate le somme, pesare sulle stesse lasciandogli in eredità conti sballati.

Prima si chiamava «Valore vacanza» ed era un bastione dell’Inpdap, l’istituto di previdenza pubblica che nel 2012 è stato inglobato dall’Inps con il suo carico di bilanci in perdita e inefficienze. La fusione del mondo pubblico con quello privato non ha portato a una omologazione dei trattamenti e così le vecchie vacanze per i figli degli statali sono state confermate anche dalla gestione Inps, che non aveva e non ha niente di simile per i figli dei dipendenti privati. L’istituto si è perlomeno premurato di dare al «concorso» un nuovo nome. Qualche cambiamento c’è stato nei metodi di compilazione della graduatoria. Ora viene compilata sulla base di nuovi criteri di merito. Impossibile partecipare se lo studente è stato bocciato o se ha debiti. Quasi scontato, verrebbe da dire per chi pensa in termini privatistici. Ma non l’hanno pensata cosi centinaia di statali che tempo fa hanno presentato una class action contro questa novità introdotta dall’Inps e considerata «discriminatoria».

Non è cambiato, invece, il numero di giovani che hanno accesso alle vacanze pagate, l’entità dell’aiuto Inps né il tipo di trattamento. L’offerta è rivolta a studenti della scuola secondaria superiore, per soggiorni da effettuare tra giugno e agosto in Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Germania e Spagna. L’Inps paga aereo, transfer dall’aeroporto, corso, college, vitto e assicurazione per un massimo di 2.400 euro per soggiorni di 15 giorni e di 4.000 euro per quelli di quattro settimane. Il programma italiano è meno generoso (il contributo è al massimo di 1.400 euro), ma l’impegno formativo è meno pressante (solo tre ore al giorno di corsi).Diritto acquisito, prestazione pagata con i contributi è l’obiezione che si potrebbe fare. Giusto, se non stessimo parlando di una gestione, quella dei pubblici dipendenti, che non sta in piedi da sola e che, seguendo una logica di equità, non potrebbe permettersi lussi. Il rosso dell’Inps sfiora i 13 miliardi di euro e la gestione delle pensioni pubbliche contribuisce a questo sbilancio per quasi sei miliardi di euro. La gestione dei parasubordinati, lavoratori con un futuro previdenziale più che incerto, contribuisce in positivo al bilancio Inps per sette miliardi di euro. Sono loro a tenere su la previdenza. E le vacanze dei figli se le pagano di tasca propria.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/linps-ha-i-conti-rosso-ai-figli-degli-statali-paga-vacanze-a-1235218.html

(Visited 8 times, 1 visits today)