L’Isis supera il “punto di non ritorno”