Mafia Capitale, Renzi: «La relazione di Alfano sarà presentata il 27 agosto»

20150806_renzi_50

 

Il «pacchetto Roma» arriverà in Consiglio dei ministri il prossimo 27 agosto, alla prima riunione dopo la pausa estiva. E non riguarderà soltanto le misure relative al Campidoglio dopo quanto emerso dall’inchiesta su “mafia capitale”, che prevedono una sorta di tutoraggio di ampi settori dell’amministrazione, ma tutta una serie di provvedimenti ad hoc per la città.

Bisognerà dunque aspettare ancora una ventina di giorni per capire quale strada prenderà il governo anche se, è stato lo stesso Matteo Renzi ad annunciarlo durante la conferenza stampa al termine del Cdm di oggi, «non ci saranno sorprese». E, dunque, il Comune di Roma non verrà sciolto per infiltrazioni mafiose, come avevano suggerito sia il prefetto Franco Gabrielli nella sua relazione al Viminale sia il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone in audizione all’Antimafia, andando controcorrente rispetto alla relazione prefettizia che, invece, aveva indicato come unica strada quella dello scioglimento.

Sia palazzo Chigi sia il Viminale sottolineano che dietro la scelta di rinviare la decisione su Roma – era stato lo stesso ministero dell’Interno a far filtrare nelle settimane scorse che il provvedimento sarebbe stato affrontato nell’ultima riunione del Cdm prima della pausa – non c’è alcuno scontro tra Alfano e il premier. Il rinvio, si sostiene, è stato concordato ieri tra i due. Tecnicamente, dicono dal Viminale, Alfano era pronto a presentare la relazione anche oggi, e lo ha ripetuto anche poco prima del Cdm quando gli è stato chiesto.

Ma, vista la delicatezza della vicenda, è stato deciso di lasciare un margine più ampio per un ulteriore approfondimento. Una scelta fatta «collegialmente», già ieri e ribadita oggi. La decisione ci sarà dunque il 27 e farà parte di un pacchetto più ampio. «Il ministro Alfano – dice Renzi – presenterà la propria relazione nella riunione del 27 agosto alle 12. Una riunione nella quale approveremo una serie di pacchetti che vanno dal commissario per il debito del Comune di Roma al decreto sul Giubileo e alle iniziative richieste dal Campidoglio». Il premier ha anche risposto a chi gli chiedeva se le dichiarazioni messe a verbale da Buzzi – il ras delle cooperative che, secondo gli inquirenti, era con Massimo Carminati al vertice dell’organizzazione che aveva infiltrato il comune di Roma – avessero cambiato in qualche modo il quadro della situazione, spingendo il ministro Alfano e il governo a rivedere la propria posizione.

«Le parole del ministro, del prefetto Gabrielli e del procuratore Pignatone – sostiene Renzi – si allineano perfettamente alla nostra posizione. Mi pare di capire che c’è una strategia processuale del tutto rispettabile da parte di alcuni imputati, ma come è ovvio questa cosa non cambia nè il nostro approccio nè una relazione fatta dal personale molto qualificato del ministero dell’Interno». Ecco perchè, è la conclusione del presidente del Consiglio, «non cambia qualcosa per i nostri provvedimenti, se vi aspettate sorprese non ci saranno». Salvo ripensamenti, dunque, il 27 il titolare del Viminale porterà la sua relazione in Cdm, nella quale si sostiene che non è necessario lo scioglimento del Comune, vista anche la «discontinuità» tra l’amministrazione Alemanno e quella di Marino.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/POLITICA/mafia_capitale_renzi_relazione_alfano_banda_larga/notizie/1503771.shtml

(Visited 6 times, 1 visits today)