Massacrato dai bulli, ragazzo di 14 anni chiede di morire in riva al mare dopo 16 mesi di sofferenze

20150306_antonio

Antonio de Jesus Lopez Monje non ce l’ha fatta. A 16 mesi dal brutale pestaggio è morto a 14 anni in un letto nella casa della nonna. In riva al mare, così come aveva desiderato.
Massacrato dai bulli, 14enne muore dopo 16 mesi di sofferenze: i genitori esaudiscono l’ultimo desiderio

A ucciderlo è stato un gruppo di bulli che si è scagliato contro di lui all’uscita da scuola nella città di Amozoc, in Messico.
Senza un apparente motivo lo hanno pestato a calci e pugni e lo avevano lasciato a terra. Trasportato in ospedale, per i medici è stato subito chiaro che le condizioni del ragazzo erano disperate: con un grave danno cerebrale e un enorme ematoma alla testa, Antonio è entrato in coma poco dopo il ricovero.

Ne è uscito solo dopo un intervento chirurgico, ma con ferite profonde nel corpo e nel cuore: Antonio aveva perso metà dei suoi ricordi, il danno cerebrale gli aveva paralizzato metà del corpo e aveva perso il 60% della vista. Un calvario che è passato attraverso 9 operazioni, alla fine delle quali le speranze di ridare una vita normale ad Antonio si erano sempre più affievolite.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/massacrato_bulli_ragazzo_chiede_morire_riva_mare_mesi_sofferenze/notizie/1222371.shtml

(Visited 10 times, 1 visits today)