Migranti, il piano del Viminale: 600 in Lombardia, 630 al Veneto

20150608_c1_immigrati

Sul fronte interno la linea dura, con l’Europa la mediazione. Mentre si registra una nuova chiusura della Francia nel faticoso iter verso l’approvazione dell’Agenda per l’immigrazione, il Viminale non tiene conto delle minacce dei presidenti delle regioni e mette in atto il piano di redistribuzione dei migranti, quasi e tutti inviati nei comuni del Nord. Tra sabato e lunedì ne sono sbarcati altri 5000, quasi tutti già partiti per Veneto, Lombardia Liguria, Toscana e Val d’Aosta a dovere aprire le porte. I prefetti hanno due giorni di tempo. I trasferimenti saranno completati al massimo domani

IL PIANO
Sarà un problema dei prefetti, che in 48 ore dovranno trovare gli alloggi, risolvendo le tensioni con governatori e sindaci. Perché il Dipartimento per l’immigrazione e le Libertà civili ha già disposto che 600 migranti siano accolti in Lobardia, 630 in Veneto, 400 in Piemonte, 350 in Liguria, 250 in Toscana e 100 in Valle d’Aosta. Nelle strutture del Sud, già al collasso, sono previste cifre minime. In Campania, soltanto 150. La stessa cifra che, ieri, è stata già stati trasferita in pullman dalla provincia di Agrigento a quelle di Rovigo, Treviso e Belluno. Al momento il ministero dell’Interno non procede con le requisizioni dei siti, un’ipotesi che resta comunque aperta per risolvere la questione, qualora gli amministratori locali non collaborassero con i prefetti.

IL VERTICE
La decisione di ieri dopo un vertice tra il prefetto Mario Morcone, capo del dipartimento, il capo della Polizia, Alessandro Pansa e il ministro Angelino Alfano, che intanto continua a cercare una mediazione con il presidente dell’Anci Piero Fassino e il presidente della conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. La riunione di ieri era stata preceduta dall’incontro con il commissario europeo all’Immigrazione Dimitris Avramopoulos. attualmente i 90mila stranieri (77mila adulti, il resto minori) presenti in Italia gravano in maniera sproporzionata su alcune regioni (Sicilia in primis) L’ipotesi delle caserme per ora resta sullo sfondo, di riserva: la Difesa ne ha offerto 12 dismesse, ma dovrebbero essere sistemate. Si lavora anche alla creazione di ‘hub’ regionali, centri di accoglienza a grande capienza dove fare lo screening dei migranti prima di smistarli in strutture più piccole.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/migranti_viminale_600_lombardia_630_veneto/notizie/1401083.shtml

(Visited 7 times, 1 visits today)